Breaking news
Venerdì, 17 Novembre 2017
Ispettorato Territoriale del Lavoro di Taranto. I sindacati incontrano i lavoratori in assemblea

Immigrazione clandestina. Scafisti ucraini arrestati

Apulo • Lucane
Typography

73 migranti pakistani e somali, tra cui anche minori non accompagnati, erano a bordo di una barca a vela al largo di San Foca. Sono stati scortati fino al porto di Otranto, dove si è subito messa in moto la macchina dell'accoglienza. Ora saranno trasferiti presso diversi centri di accoglienza della Puglia

Un gruppo di migranti irregolari a bordo di una barca a vela di circa 17 metri navigava verso le coste salentine. L’imbarcazione è stata intercettata a 8 miglia al largo di San Foca, Lecce, da un Guardacoste del Reparto Operativo Aeronavale della Guardia di Finanza di Bari, impegnata nell’operazione “TRITON 2017” dell’Agenzia FRONTEX.
Il veliero è stato affiancato, poco prima delle 20.00 di ieri sera, dal Guardacoste d’altura delle Fiamme Gialle. I finanzieri, insospettiti dal modo di navigare, esclusivamente a motore e con i locali “sotto coperta” ben oscurati con delle tende, hanno intimato l’alt, ai due conducenti del natante sospetto, i quali hanno tentato delle manovre elusive, prima di essere abbordati e definitivamente fermati. I militari saliti a bordo hanno appurato la presenza dei migranti, hanno verificato la funzionalità dell’imbarcazione e indentificato gli scafisti. Il mezzo fermato è stato scortato dalle Fiamme Gialle, nel porto di Otranto dove, in banchina, precedentemente allertato, era già pronto il dispositivo di accoglienza, anche sanitaria, predisposto dalla Prefettura di Lecce. Il gruppo di 73 migranti, tra cui 16 minori, la maggior parte non accompagnati, di presunta nazionalità pakistana e somala. Tutti, apparsi in buone condizioni di salute, anche se visibilmente provati da alcuni giorni di navigazione, sono stati assistiti per il successivo trasferimento presso diversi centri di accoglienza della Puglia. L’imbarcazione a vela, battente bandiera turca e denominata “Deryalar”, è stata sottoposta a sequestro, mentre i due scafisti di nazionalità ucraina venivano tratti in arresto per favoreggiamento all’immigrazione clandestina.