05
Mer, Ago

Lizzano, abbandono di rifiuti sulle spiagge: sindaco scrive in Procura

Lizzano, abbandono di rifiuti sulle spiagge: sindaco scrive in Procura

Comuni Jonici

D’Oria: “È inaccettabile che tra i frequentatori ci siano cittadini incivili”

Rifiuti abbandonati sulle spiagge: la denuncia del sindaco di Lizzano (Taranto) Antonietta D’Oria. “Un gesto da cretini perché non possiamo definire in un altro modo le persone che lasciano i rifiuti sulle coste - spiega Antonietta D'Oria, sindaco di Lizzano - violando le regole del senso civico e del rispetto delle leggi. Ripeto, un atto vergognoso ed inaudito. È inaccettabile che tra i frequentatori della spiaggia ci sia chi non ha il minimo riguardo per l’ambiente e abbandoni così i rifiuti. Manca il buon senso. Se la situazione continuerà a essere questa, prenderemo provvedimenti. Anche radicali”. E ancora. “Abbiamo monitorato le strade e ogni angolo della Città e, quindi, non escludiamo di denunciare alla Procura della Repubblica coloro i quali inquinano la Città. Non solo. Chiederò un tavolo tecnico con tutte le forze di polizia per scongiurare atti di inciviltà che, purtroppo, danneggiano la nostra comunità. Inoltre, come succede ormai da alcune stagioni, tutti i rifiuti che vengono prodotti sulla spiaggia devono essere conferiti correttamente nel rispetto dell’ordinanza sindacale e delle leggi in materia ambientale”. Conclude il sindaco D’Oria. “Sulle spiagge e nelle periferie è possibile “ammirare” l’abbandono di rifiuti indifferenziati, dispositivi elettrici ed elettronici o lastre, tubi e cisterne in amianto. Il Codice Penale, in materia di reati ambientali, mette alla sbarra e sanziona pesantemente gli autori di tali crimini. Da due a sei anni e multa da 10.000 a 100.000 euro per chi abusivamente cagiona un danno ad aria, acqua, suolo o sottosuolo. Chi invece non provvede alla bonifica o al recupero dello stato dei luoghi è punito con la reclusione da uno a quattro anni e con la multa da 20.000 a 80.000 euro. E in ogni caso, anche senza dover dimostrare il danno fatto all'ambiente, chiunque abbandoni rifiuti è punito con una multa da 105 a 620 euro”

“Abbiamo acquistato tre telecamere da mettere nelle aree strategiche della Città - spiega l’avv Giulia Dicembre, team manager della Teknoservice - per individuare i trasgressori. Le apparecchiature, tra breve, saranno consegnate alla Polizia Locale che, avrà l’onere, di avviare le indagini penali nei confronti dei trasgressori. Il danno economico  e ambientale è immane per i cittadini. Si abbassa la percentuale della differenziata con un notevole danno di immagine per la  Città nonchè un aggravio di costi per lo smaltimento del rifiuto. Ciononostante rimane costante l’impegno degli operatori ecologici che, quotidianamente, sono in prima linea per garantire una Città pulita e decorosa agli occhi dei turisti”.