BREAKING NEWS
Domenica, 22 Ottobre 2017
"Wind day. Libertà negate ai cittadini, un favore agli inquinatori". Domani dalle 10.30 alle 12.30 sit in di protesta, organizzato dai "Genitori Tarantini",  sotto la Prefettura

Una raccolta differenziata che non convince tutti

Comuni Jonici
Typography

Il gruppo politico palagianellese “Aria di Cambiamenti” solleva le prime perplessità sugli aspetti pratici del nuovo progetto della nuova raccolta differenziata, gestita dalla Monteco Srl

«Le prime crepe del progetto faraonico e sovradimensionato della nuova raccolta differenziata stanno venendo fuori. Questo piano previsto per Palagianello, in realtà, non è stato eseguito e pensato per il nostro paese». Il giudizio tranchant espresso da “Aria di Cambiamenti”, il gruppo civico nato da pochi mesi che si candida a guidare il paese nella prossima consiliatura, arriva nella fase sperimentale del nuovo servizio di raccolta che a Palagianello sarebbe dovuto partire nei primi giorni di settembre. In attesa di capire quando e come troverà concreta applicazione il programma concernente la gestione dei rifiuti, “Aria di Cambiamenti” rimarca sui social l’inadeguatezza del servizio, osservando che «qualcuno che doveva verificare il progetto, forse, non conosceva e non conosce tutt’ora il proprio Paese, dal momento che i primi disagi sono stati sollevati dai cittadini che abitano nei condomini nei quali non è possibile riporre i contenitori che la ditta Monteco ha consegnato. Molti utenti, infatti, saranno costretti a tenerli nell’ingresso del condominio, deturpando lo stabile e, cosa peggiore, tenendo all’interno dello stesso i contenitori dei rifiuti». Questa problematica, che rischia di compromettere l’avvio del nuovo sistema, riguarda non solo gli stabili, ma anche e soprattutto le attività commerciali, come sottolinea il movimento civico: «Oltre a pagare una tassa esosa e spropositata, hanno un servizio di raccolta a dir poco impossibile. Come si può pensare di ritirare il vetro dai bar così poche volte alla settimana e come si può pensare di raccogliere carta e cartoni solo 3 giorni? Avere i rifiuti per più giorni all’interno delle attività risulterebbe controproducente per le attività stesse, per la salubrità dei prodotti e per la qualità dell’aria». “Aria di Cambiamenti” non si limita ad evidenziare le criticità del progetto, ma propone soluzioni alternative sia per le attività commerciali, suggerendo di «realizzare delle piccole isole ecologiche a scomparsa dedicate ai commercianti e aumentare la frequenza del ritiro del vetro dai bar e della carta da quelle attività che ne producono molto», sia per i condomini «riflettendo su soluzioni personalizzate. Ad esempio nella zona dei “novantasei alloggi”, si potrebbe pensare ad una mini isola ecologica a scomparsa per i soli residenti». Resta la curiosità di capire come reagirà la cittadinanza, abituata da tanti anni a conferire tutto nei cari vecchi cassonetti, dinanzi ad nuovo modo di intendere il rifiuto, visto per troppo tempo come un problema. Il movimento, dopo aver chiesto alla Monteco di rivedere il progetto, conclude il proprio intervento, augurandosi che « le proposte espresse, reali e concreti, possano essere prese in considerazione per rendere il servizio più conforme alle esigenze della collettività».