BREAKING NEWS
Domenica, 22 Ottobre 2017
"Wind day. Libertà negate ai cittadini, un favore agli inquinatori". Domani dalle 10.30 alle 12.30 sit in di protesta, organizzato dai "Genitori Tarantini",  sotto la Prefettura

Gestione pubblica illuminazione. Interrogazione di FI

Comuni Jonici
Typography

Sono per lo più osservazioni tecniche quelle sulla base delle quali i Consiglieri comunali di Forza Italia presentano una interrogazione urgente al sindaco, Vito Parisi, e al suo vice, Vincenzo Tarantini

Aspetti tecnici quelli sui quali si soffermano i Consiglieri comunali di Forza Italia di Ginosa che mercoledì scorso hanno presentato una interrogazione consiliare urgente. Oggetto: l'affidamento diretto del servizio di pubblica illuminazione. I Consiglieri di opposizione Vito De Palma, Marilisa Mongelli e Patrizia Ratti chiedono chiarimenti in merito ad alcuni passaggi della procedura. I consiglieri rilevano che con “atto di cessione di azioni sottoscritto in data 30/06/2017, con effetto delle cessioni a far data dal giorno 4/7/2017, la società “Engie Servizi S.p.A.”, con sede in Roma, ha acquisito la piena proprietà dell’intero capitale sociale della società “Conversion & Lighting S.p.A con sede in Matera”. Di tale cessione, non si riscontra alcuna comunicazione e corrispondente accettazione della variazione da parte di Consip, né si evince dalla consultazione del sito www.acquistinretepa.it sul quale non sono riportate le suddette variazioni in merito al Servizio Luce 3 - Lotto 7" e "dalla documentazione citata e dall’esame del fascicolo verificato nell’accesso agli atti effettuato presso l’Ufficio LL.PP. del Comune di Ginosa, si è constatato che il Comune di Ginosa, non ha effettuato in via preliminare una valutazione di congruità economica rispetto alla proposta di convenzione per l’affidamento del servizio luce, né ha ritenuto dotarsi di uno studio di fattibilità per una comparazione con la suddetta proposta, in particolar modo, per quelle “Extra Canone”, anche in ragione della possibilità per il contraente di scegliere di ricorrere con procedura di evidenza pubblica".
De Palma, Mongelli e Ratti allegano all'interrogazione, inoltre, alcuni articoli di stampa, tra cui quello pubblicato il 27 marzo scorso, firmato da Emiliano Fittipaldi e Nello Trocchia a dimostrazione del fatto che "sono già note numerose notizie giornalistiche, pubblicate da molti quotidiani nazionali a seguito delle indagini giudiziarie sulla questione Consip, nonché riportate sui social e oggetto di numerosi dibattiti televisivi, le quali riproducono riferimenti alla gara Consip in discorso e alle ditte presenti negli atti amministrativi di affidamento diretto operato dal Comune di Ginosa: Conversion & Lighting S.r.l. (già Smail SpA) e Engie Servizi srl (in precedenza Cofely Italia SpA). Ancora, visto che il Piano Esecutivo di Gestione, con cui si assegnano le risorse, non era stato ancora approvato dalla Giunta, la determina con cui viene affidato il servizio ha una copertura?
Viene infine evidenziato "Se non ritenga l’Amministrazione Comunale, alla luce di quanto descritto, chiedere formale parere all’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) e all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (ANTITRUST), prima di procedere alla formalizzazione di tutti gli atti amministrativi".
"Un modo per appurare che non ci siano ombre" sostiene il consigliere Vito De Palma, "e perché venga garantita la trasparenza".