16
Sab, Feb

Destinazione Laterza

Destinazione Laterza

Comuni Jonici

Un progetto che ha visto il Comune e gli operatori del settore turistico impegnati in questi anni a promuovere il territorio. Ad oggi nella Cavallerizza del Palazzo Marchesale, è stato presentato il modello DMO (Destination Management Organization) 

Destinazione Laterza. Questo il progetto che ha visto il Comune e gli operatori del settore turistico impegnati in questi anni. Ad oggi nella Cavallerizza del Palazzo Marchesale, è stato presentato il modello DMO (Destination Management Organization) per la Governance del piano Compartecipato di Marketing del Comune di Laterza.

Una serie di incontri pubblici, la costituzione di due Club di Prodotto “Laterza Slow Discovery” e “I Sapori di Laterza” con la consulenza della FTourism hanno portato gradualmente gli operatori ad acquisire la consapevolezza del valore del territorio e degli attrattori da proporre ai turisti. Il Turismo esperienziale e ecosostenibile è stato posto alla base della costruzione del prodotto: Turismo naturalistico-Vacanza attiva con le esperienze in Gravina (escursioni, arrampicata sportiva, birdwatching), turismo culturale (maiolica, chiese rupestri), turismo enogastronomico (mani in pasta: panifici, caseifici). Per la sua diffusione è stato costruito il portale web “www. Laterza Turismo.com”, nel quale ciascun operatore aderente al Club di Prodotto ha una propria pagina che le proposte e con il collegamento ai propri canali web.

La Dmo di Laterza sarà uno strumento pubblico-privato attraverso la convenzione tra il Comune e l’ATS Associazione Temporanea di Scopo, formata da imprese, associazioni e professionisti.

Il Comune concederà all'ATS l’utilizzo del portale “Laterza Turismo” e delle pagine social web: Facebook, Instagram e si occuperà della promozione attraverso tutti i canali informativi, partecipazione alle fiere di settore, press tour. Dal canto suo l’Ats svolgerà le attività di commercializzazione del “prodotto Laterza” in tutte le sue componenti di accoglienza, ristorazione, laboratori artigianali, trasporti, agenzie viaggi, guide turistiche, servizi vari, mediante contatti diretti con tour operatori, agenzie di incoming, associazioni sportive, associazioni culturali, scuole, educational tour, ecc. Soddisfatto il sindaco Gianfranco Lopane: “Tutto questo processo – ha commentato - è nato dalla considerazione che il turismo è un'opportunità che ha ricadute sull'intera popolazione in termini culturali ed economici”.