23
Ven, Ago

Rischio idrogeologico, 11mln per Marina di Ginosa

Rischio idrogeologico, 11mln per Marina di Ginosa

Comuni Jonici

Interventi finalizzati ad abbassare il rischio idraulico medio su tutto il territorio

Circa 11 milioni di euro la somma stanziata dalla Regione Puglia per gli interventi di mitigazione del rischio idraulico nell'abitato di Marina di Ginosa. La Giunta regionale ha preso atto del primo stralcio di interventi contro il dissesto idrogeologico per la Regione Puglia a valere sulle disponibilità del "Fondo per la progettazione degli interventi contro il dissesto idrogeologico".

Dopo essersi dotata del primo studio idrogeologico e geologico nel 2017, l'Amministrazione Comunale a maggio 2018 ha trasmesso dodici progetti relativi a interventi per contrastare il dissesto idrogeologico a Ginosa e Marina di Ginosa inseriti nella piattaforma ReNDiS ISPRA (Repertorio Nazionale degli interventi per la Difesa del Suolo).

L'obiettivo degli interventi è quello di contrastare e ridurre gli effetti delle alluvioni dovute ai bacini del fiume Bradano, da una parte, e alla incapacità di trasporto da parte dell'idrografia locale, dall'altra.

“Dopo i quasi 3 milioni stanziati per via Matrice a Ginosa per la mitigazione del rischio idrogeologico, arriva questa importante dotazione finanziaria anche per Marina di Ginosa - ha dichiarato il sindaco di Ginosa, Vito Parisi - si tratta del riconoscimento più cospicuo finora da parte dell'Ufficio Difesa del Suolo della Regione Puglia, che testimonia da una parte l'efficacia delle progettazioni presentate, dall'altra la giusta attenzione a livello istituzionale,frutto della sinergia instauratasi su tutti i livelli”. Azioni che e

“A seguito del confronto con l'Autorità di Bacino avvenuto nei mesi scorsi per la riperimetrazione del PAI (Piano di Assetto Idrogeologico) a Marina di Ginosa, inoltre, è in fase di definizione il passaggio dall'alta a media pericolosità in alcune zone. – prosegue il primo cittadino - L'attuazione di questi interventi finanziati, abbasserà sensibilmente il rischio idraulico medio su tutto il nostro territorio”.