18
Lun, Feb

Principali articoli

Quando De Benedetti disse: "Repubblica ormai è un disco rotto"

Giornalismi

Se il Cavaliere fa cucù alla cancelliera Angela Merkel, per tre giorni leggiamo lo stesso articolo, scritto da opinionisti diversi. Il giornale fondato da Scalfari è prigioniero di se stesso. Immerso nel disastro della carta stampata, con le vendite e la pubblicità in calo costante

Perchè Panagulis è stato ucciso

Giornalismi

E così mi sono ricordata di un’altra sua poesia. Quella che dice: «Non ti capisco Dio / Dimmi di nuovo / Mi chiedi di ringraziarti / o di scusarti?». Mi sono anche ricordata di com’era quando rideva, e quando saltava, e quando giocava, tutto contento d’essere nato. E il giorno in cui l’avevo accompagnato, per la prima volta dopo anni di calvario, a nuotare, nel mare. E il giorno in cui aveva giurato come deputato in Parlamento e dallo scanno si era girato a guardarmi lassù sulle tribune, frenando un sorriso, perché sapevo che le sue suole erano consumate e temevo che alzandosi scivolasse

Andreotti democristiano avanti Cristo

Giornalismi

Per secoli fu ritenuto l’Incarnazione del Male, la Medusa che pietrifica e a volte cementifica. Ai tempi di Mani pulite, nella sua Ciociaria, il fascista galantuomo Romano Misserville organizzò un processo-spettacolo ad Andreotti; calò il gelo nei suoi confronti di tanti suoi galoppini del passato che pure gli dovevano molto. Andreotti non lasciò riforme dello Stato e grandi opere, ma un metodo, uno stile, un modo di vedere, intravisto dalle fessure dei suoi occhi, anche per non lasciare prove compromettenti sulla retina

Il terrorismo come alibi

Giornalismi

Ogni impero ha bisogno di darsi identità confondendo quella dell’altro: hic sunt leones, gli stranieri sono tutti «barbari»

Storia di F.

Giornalismi

Pubblichiamo nella nostra consueta sezione dedicata agli articoli più significativi a firma di volti noti del giornalismo nazionale, un contributo insolito. Si tratta di una lettera apparsa su Repubblica.it lo scorso 13 ottobre nella rubrica “Invece Concita. Il luogo delle vostre storie”, appuntamento con i lettori a cura di Concita De Gregorio. Riteniamo le parole dell’autrice della missiva un triste quanto mai realistico spaccato della condizione in cui versano moltissimi giovani ad oggi vessati da assenza di prospettive e frustrati da aspettative mancate e gratificazioni ridotte al lumicino. I pensieri e i sentimenti di F. costituiscono un monito e obbligano ad un necessario momento di riflessione e autoanalisi profonda, soprattutto a carico di coloro chiamati ad amministrare la politica e le sue pratiche

L'ambientalista riluttante

Giornalismi

A parole, l’ italiano che fuma tutto contento vicino allo scappamento è un ambientalista convinto. Nei fatti, cerca spiegazioni enciclopediche, tratte anche da Wikipedia, per trovare giustificazioni alla propria riluttanza verso quello che giudica un vero anti-automobilismo