09
Dom, Dic

Principali articoli

Storia di F.

Giornalismi

Pubblichiamo nella nostra consueta sezione dedicata agli articoli più significativi a firma di volti noti del giornalismo nazionale, un contributo insolito. Si tratta di una lettera apparsa su Repubblica.it lo scorso 13 ottobre nella rubrica “Invece Concita. Il luogo delle vostre storie”, appuntamento con i lettori a cura di Concita De Gregorio. Riteniamo le parole dell’autrice della missiva un triste quanto mai realistico spaccato della condizione in cui versano moltissimi giovani ad oggi vessati da assenza di prospettive e frustrati da aspettative mancate e gratificazioni ridotte al lumicino. I pensieri e i sentimenti di F. costituiscono un monito e obbligano ad un necessario momento di riflessione e autoanalisi profonda, soprattutto a carico di coloro chiamati ad amministrare la politica e le sue pratiche

L'ambientalista riluttante

Giornalismi

A parole, l’ italiano che fuma tutto contento vicino allo scappamento è un ambientalista convinto. Nei fatti, cerca spiegazioni enciclopediche, tratte anche da Wikipedia, per trovare giustificazioni alla propria riluttanza verso quello che giudica un vero anti-automobilismo

Lucano, il sindaco clandestino di Riace

Giornalismi

Ed è anche per questo che nella faccia del nostro “padre Tuck”  di Riace ora si rivedono in controluce tutte le facce di quella corda pazza del Sud d’Italia dove anche la legalità può non essere legalità

Alla tarantina Raffaella Fanelli il premio giornalistico "Javier Valdez"

Giornalismi

Importante riconoscimento alla scrittrice pugliese per la sua opera "La verità del Freddo". La cerimonia si è tenuta nella giornata di ieri a Roma

L'acciaio che fa cadere le stelle

Giornalismi

La deputata grillina che scappa dalle orde degli innamorati delusi, scortata come un notabile del vecchio regime, sancisce un cambio di scenario. La fine di un miraggio, di una sceneggiata napoletana, di una colossale - e oscena - presa per i fondelli

Brigitte Bardot contro #MeToo: "Ipocrita e ridicolo"

Giornalismi

L'icona del cinema francese, dopo le dichiarazioni di Catherin Deneuve, calca la mano sulla questione degli abusi sessuali. E dopo aver criticato #MeToo, la campagna contro le molestie diventata virale, dice: "Numerose attrici giocano a fare le civette con i produttori per ottenere un ruolo. Poi, quando ne parlano, dicono di essere state molestate"