19
Ven, Ott

Pasta: non fa ingrassare. Anzi, aiuta a restare in forma

Pasta: non fa ingrassare. Anzi, aiuta a restare in forma

Saperi & Sapori

Il consumo moderato di questo alimento è associato a un minor rischio di sovrappeso e obesità

Mai più diete ipocaloriche che escludono la pasta: uno studio italiano ha dimostrato che quest'alimento non fa ingrassare. Al contrario, potrebbe anche aiutare a restare in forma, riducendo il rischio di sovrappeso e obesità. A sostenerlo, in una ricerca pubblicata sulla rivista Nutrition and diabetes, sono gli scienziati del Dipartimento di Epidemiologia dell'Irccs Neuromed di Pozzilli (Isernia).

Secondo gli autori, la pasta è vittima di una reputazione priva di fondamento. La convinzione che faccia ingrassare sarebbe errata, dato che chi la consuma regolarmente, in quantità moderate, avrebbe un indice di massa corporea più basso. “È opinione comune che la pasta non sia un alimento adatto per perdere peso – afferma Licia Iacoviello, che ha coordinato l'indagine -. Alcune persone la bandiscono completamente dai loro pasti. Alla luce di questa ricerca possiamo affermare che questo non è un atteggiamento corretto”.

Nel corso dello studio, gli esperti italiani hanno analizzato i dati raccolti da due indagini epidemiologiche, Moli-sani e Inhes (Italian nutrition & health survey), condotte dallo stesso Dipartimento. In totale sono state coinvolte 23.366 persone adulte. Dopo aver esaminato le abitudini alimentari e il peso dei partecipanti, gli studiosi hanno scoperto che il consumo di pasta non aumenta le possibilità d'ingrassare. Al contrario: chi la mangiava spesso ma con moderazione, risultava più in forma degli altri. I consumatori di pasta, infatti, avevano un indice di massa corporea inferiore, una minore circonferenza addominale e un rapporto vita-fianchi più equilibrato.

“L'analisi dei dati antropometrici dei partecipanti e delle loro abitudini alimentari ha evidenziato che il consumo di pasta, contrariamente a quanto molti pensano, non è associato a un aumento del peso corporeo, ma piuttosto è il contrario - spiega George Pounis, primo autore della ricerca -. I nostri dati dimostrano che godersi la pasta contribuisce, in base alle esigenze individuali, ad avere un indice di massa corporea sano, a ridurre la circonferenza della vita e a ottenere un migliore rapporto vita-fianchi”.

Secondo gli autori, lo studio conferma gli effetti benefici della dieta mediterranea. “Stiamo parlando di una componente fondamentale della tradizione italiana e mediterranea, e non c'è alcun motivo di rinunciarci – conclude la dottoressa Iacoviello -. Il messaggio che emerge da questo studio, come da altre analisi scientifiche condotte all'interno dei progetti Moli-sani e Inhes, è che la dieta mediterranea, consumata con moderazione e rispettando la varietà di tutti gli elementi (in primo luogo la pasta), fa bene alla salute”.

di Nadia Comerci (06/07/2016)
fonte: http://salute24.ilsole24ore.com