Alfvèn e la Rapsodia svedese

Spettacoli
Typography

Per la prima volta in Italia, la magia del violoncello nel concerto "Cello's Sound" andrà in scena al teatro Orfeo di Taranto martedì 20 febbraio

La magia del violoncello sarà la grande protagonista del concerto “Cello’s Sound”, martedì 20 febbraio alle ore 21 al Teatro Orfeo di Taranto per la stagione “Eventi Musicali” dell’Orchestra ICO della Magna Grecia. Il Maestro Luigi Piovano al violoncello sarà accom-pagnato dall’Orchestra diretta dal Maestro Piero Romano. Un appuntamento da non perdere con le musiche di Dvořák, Sibelius e per la prima volta in Italia “Rapsodia svedese” di Alfvén. Un evento esclusivo che mostra la tradizione del Nord Europa tra musica e territorio. Saranno suonate per la prima volta in Italia "Dala”, rapsodia svedese n°3, op.47 e “Mid-sommarvaka”, rapsodia svedese n°1, op.19 di Hugo Alfvén (1872-1960), artista poliedrico, violinista, compositore, direttore d’orchestra e di coro, pittore, figura centrale nella vita musicale svedese del XX secolo. La rapsodia è uno dei più noti brani musicali in Svezia, legato profondamente alla sua matrice culturale.
Il programma della serata prevede anche l’esecuzione del “Concerto per violoncello n.2” in si minore, op.104, Allegro, Quasi improvvisando: Adagio ma non troppo, Finale: Allegro moderato di Antonín Dvořák (1841-1904). Il Concerto per violoncello è uno dei concerti per violoncello più suonati e registrati, riconosciuto come uno dei più grandi capolavori di Antonín Dvořák. Sarà eseguita anche “Finlandia”, poema sinfonico n°7, op.26, tra le composizioni più note di Johan Julius Christian Sibelius, conosciuto come Jean Sibelius (1865-1957), compositore e violinista finlandese. La sua figura è il simbolo musicale dell'identità nazionale finlandese. Il poema è stato composto nel 1899 per celebrare l'indipendenza del Granducato di Finlandia dalla Russia, diventando un simbolo dell'irredentismo nazionale. La musica si fa testimonianza, forma di denuncia o di appartenenza.

Luigi Piovano è primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Ceci-lia. Suona un Alessandro Gagliano del 1710 e un violoncello a cinque corde William Forster III del 1795. Ha tenuto concerti di musica da camera con artisti del calibro di Wolfgang Sawallisch e Myung-Whun Chung, ha suonato come solista con prestigiose orchestre come Tokyo Philharmonic e Accademia di Santa Cecilia. Dal 2012 è direttore musicale dell’Orchestra ICO della Magna Grecia di Taranto. Con l’Orchestra della Magna Grecia ha diretto importanti pagine del grande repertorio sinfonico fra i quali l’integrale delle Sinfonie e dei Concerti di Brahms, la Quarta, Quinta e Sesta Sinfonia e i Concerti di Čajkovskij, la Sinfonia in re di Franck, Shéhérazade di Rimskij-Korsakov, i due Concerti per pianoforte di Ravel.

“Cello’s Sound” per il progetto MaTa. Da Taranto a Matera, il concerto “Cello’s Sound” rientra nel progetto MaTa. L’evento potrà essere seguito lunedì 19 febbraio a Matera per godere del concerto nella splendida Città dei Sassi. Il progetto crea un asse culturale tra Matera e Taranto, per una interazione del pubblico con la condivisione di spazi e spettacoli. L’OMG unisce virtualmente Matera e Ta-ranto già dall’anno 2000, due città a soli 60 km in linea d’aria legate dalla profonda voca-zione culturale.