Breaking news
Sabato, 22 Luglio 2017
CROCIERE A TARANTO. Lunedì il quarto approdo della Thomson Spirit 

Ilva, i Riva patteggiano in cambio del risanamento ambientale

Ambiente
Typography

Far rientrare 1,3 miliardi di euro dalla Svizzera per il risanamento dello stabilimento di Taranto. Questo il prezzo del patteggiamento proposto da Adriano Riva e dai nipoti Fabio e Nicola

Entro il 24 maggio Adriano Riva, imputato a Milano con i nipoti Fabio e Nicola per bancarotta, truffa e trasferimento fittizio di valori, firmerà la transazione per il rientro dalla Svizzera di circa 1,3 miliardi di euro in Italia al fine della bonifica ambientale dello stabilimento di Taranto. Questo quanto emerso secondo l’Ansa a margine dell'udienza di ieri davanti al gup Chiara Valori che il prossimo 24 maggio sarà chiamata a esprimersi in merito alla richiesta di patteggiamento di Adriano Riva a 2 anni e mezzo. Mentre per gli altri due imputati Fabio e Nicola l’udienza proseguirà il sei luglio.