Black out all'Eni

Ambiente
Typography

In una nota diffusa dall'ufficio stampa della Raffineria si individua la causa dell'interruzione dell'alimentazione elettrica nel forte temporale. Il fenomeno non sfugge al vice di Melucci e a Peacelink

Eni informa che a causa di un evento meteorico intenso questa mattina, alle ore 9:15 circa, si è verificata la totale interruzione dell’alimentazione elettrica della Raffineria di Taranto. Il black out ha generato il blocco generale degli impianti e la conseguente attivazione dei sistemi di sicurezza, con conseguente accensione del sistema torce.
L'azienda garantisce che non ci sono danni né pericoli per l’ambiente e che sono attualmente in corso le operazioni di verifica e ripristino del collegamento elettrico.
Un fenomeno di cui si accorge il vice sindaco di Taranto, Rocco De Franchi, che scrive su facebook: "“La raffineria Eni di Taranto è in blocco generale per alcune ore – scrive su Facebook – le torce accese in emergenza che si vedono dalla strada dovrebbero spegnersi a breve. Taranto è stanca".
Questo invece il post di Luciano Manna: "Eni Inquina Taranto, anche stamattina lo fa con questi fumi prodotti dalla combustione delle sue torce di emergenza. Nell'ultima ispezione di Arpa Puglia nei suoi impianti si è rilevato che ci sono sversamenti dai serbatoi, mancanza di convogliamento delle acque meteoriche, mancanza di valvole di sicurezza per evitare sversamenti, lacune nelle procedure in merito al carico e scarico degli idrocarburi dove si provocano emissioni odorigene, inaccessibilità dei pozzetti di campionamento, inquinanti in falda. Eni, se la conosci la denunci".