20
Mar, Nov

Bonifiche Taranto, Perrini: “Scontro imbarazzante tra Corbelli e Valenzano”

Bonifiche Taranto, Perrini: “Scontro imbarazzante tra Corbelli e Valenzano”

Ambiente

Scontro tecnico – istituzionale imbarazzante quello tra il commissario straordinario alle Bonifiche di Taranto, Vera Corbelli e il dirigente regionale Barbara Valenzano. Cosi il consigliere regionale di Direzione Italia-Noi con l’Italia, Renato Perrini commenta il confronto avuto sullo stato dei lavori di bonifica nel capoluogo jonico

Scontro tecnico – istituzionale imbarazzante quello tra il commissario straordinario alle Bonifiche di Taranto, Vera Corbelli e il dirigente regionale Barbara Valenzano. Cosi il consigliere regionale di Direzione Italia-Noi con l’Italia, Renato Perrini commenta il confronto avuto sullo stato dei lavori di bonifica nel capoluogo jonico, utile d’altro canto per fare il punto della situazione.   

“Utile perché il commissario è venuto in Commissione con un lavoro, anche di slide, a spiegare punto per punto lo stato dei lavori di progetti importanti – due su tutti Mar Piccolo ed ex Cemerad , alcuni dei quali ci appaiono in forte ritardo, anche per ostacoli tecnici incontrati nel corso dell'iter. – Aggiunge Perrini -  Una mole di dati raccolti che costituiscono una buona base di appalti molti dei quali da bandire ancora, forse, proprio a causa dell'incomunicabilità che è venuta fuori in modo palese fra il commissario e il dirigente regionale Barbara Valenzano”.

Un isolamento ideale che a parere del consigliere potrebbe incidere sulla bontà degli interventi. “E' chiaro – aggiunge l’esponente di Dit- Nci  - che se il Governo centrale, tramite la Corbelli, e la Regione Puglia, tramite la Valenzano, non solo non collaborano, ma non comunicano, il rischio che gli interventi avviati e da completare o da avviare si blocchino è concreto. Non vogliamo entrare nel merito della disputa, ma ci appare alquanto strano che le due Istituzioni, su investimenti e interventi così importanti per Taranto e il suo territorio, abbiano dovuto attendere la mia audizione per rivolgersi reciprocamente accuse di poca collaborazione o peggio di mancata condivisione di obiettivi”. Necessaria dunque maggiore chiarezza “tra gli organi preposti a lavorare nell'interesse dei tarantini e non nel loro interesse”.  A tal fine Perrini ha proposto alla Commissione un nuovo confronto con il commissario prima della pausa estiva “e fare sopralluoghi sui cantieri già avviati e di quelli che si intendono avviare”.