20
Mar, Nov

Emissioni odorigene impianto Ginosa, Galante (M5S): “Accesso alle atti autorizzativi”

Emissioni odorigene impianto Ginosa, Galante: “Accesso alle atti autorizzativi”

Ambiente

Conoscere le autorizzazioni rilasciate per il conferimento e trattamento dei rifiuti sul territorio regionale. Il consigliere del Movimento 5 Stelle Marco Galante invia la richiesta ad Arpa Puglia all’indomani delle lamentele da parte di turisti e cittadini di Ginosa e Castellaneta per le emissioni odorigene provenienti dall’impianto di compostaggio gestito da Aseco S.p.A.  

Conoscere le autorizzazioni rilasciate per il conferimento e trattamento dei rifiuti sul territorio regionale. Il consigliere del Movimento 5 Stelle Marco Galante invia la richiesta ad Arpa Puglia all’indomani delle lamentele da parte di turisti e cittadini di Ginosa e Castellaneta per le emissioni odorigene provenienti dall’impianto di compostaggio gestito da Aseco S.p.A.  

“Cittadini e turisti non ne possono più  – dichiara Galante – e hanno ragione. Soprattutto questi ultimi hanno minacciato più volte di non tornare più in vacanza nella nostra splendida terra; un bel danno per un territorio come il nostro che sta cercando con tutte le sue forze di riconvertire la propria economia proprio sulla base del turismo. Ma non solo: anche gli agricoltori della zona hanno subito forti disagi, talvolta costretti ad interrompere i lavori nei campi a causa dell'olezzo insopportabile”. 

L’obiettivo è chiarire “la gestione del conferimento e trattamento della frazione organica dei rifiuti da parte dell'impianto ginosino”.  “Ad Arpa Puglia – spiega la nota -si chiede di conoscere gli esiti dei monitoraggi condotti dal 2016 ad oggi,e in particolare delle emissioni odorigene prodotte proprio dall'impianto Aseco e di ricevere i documenti comprovanti la conformità dell'attività dell'impianto alle prescrizioni imposte dall'AIA del 2016. All'Agenzia per la gestione dei rifiuti, invece, si richiedono la tipologia e la quantità di rifiuti autorizzate nei vari impianti di compostaggio pugliesi tra cui anche quelli provenienti da fuori Regione, quali siano le quantità conferite e trattate, nonché l'esistenza di eventuali provvedimenti che abbiano ampliato tali quantità di FORSU a causa dell'aumento di produzione dovuto al periodo estivo.

“In attesa degli opportuni riscontri - conclude Galante - continueremo a tenere alta la guardia sull'impianto. Parleremo con cittadini e amministratori locali della situazione attuale anche in occasione dell'incontro pubblico che si terrà a Ginosa il prossimo 2 settembre”.