15
Lun, Ott

Taranto, caso “radon” : il Sindaco convoca tavolo tecnico-istituzionale

Taranto, caso “radon” : il Sindaco convoca tavolo tecnico-istituzionale

Ambiente

Il caso “radon” viene discusso a Palazzo di Città. Il sindaco di Taranto ha infatti convocato un tavolo tecnico-istituzionale a cui hanno preso parte il Provveditore, la dirigenza scolastica, Asl ed Arpa, per discutere della questione. Da Palazzo di Città rassicurazioni: “Assoluta adeguatezza degli interventi”

Il caso “radon” viene discusso a Palazzo di Città. Il sindaco di Taranto ha infatti convocato un tavolo tecnico-istituzionale a cui hanno preso parte il Provveditore, la dirigenza scolastica, Asl ed Arpa, per discutere della questione.

Un incontro tenutosi in conference-call in anticipo sul parere richiesto all’Istituto Superiore della Sanità per valutare le azioni intraprese fino ad oggi e quali quelle in cantiere al fine di scongiurare qualsiasi rischio igienico sanitario derivante dalla esposizione al gas radon per la popolazione scolastica ed i lavoratori che operano negli edifici e garantire la salubrità degli ambienti. L’Amministrazione si è avvalsa del supporto del Prof. Francesco Bochicchio, Direttore del Reparto di Radioattività e suoi effetti sulla salute dell’Istituto Superiore della Sanità, dal 2005 Coordinatore del piano nazionale Radon.

Dall’incontro, la cui videoregistrazione è in fase di caricamento sul sito istituzionale dell’Ente, è emersa la assoluta adeguatezza degli interventi – spiegano in una nota da Palazzo di Città - già messi in atto da parte dell’amministrazione nonché l’inesistenza di rischi immediati per la popolazione scolastica ed il personale che opera nei plessi dell’Istituto comprensivo Vico-De Carolis. “Abbiamo lavorato in silenzio per giorni – fanno sapere dalla direzione ambiente e lavoro pubblici – nonostante i continui attacchi da parte di chi ha intravisto nella problematica radon una occasione di speculazione politica. Non abbiamo voluto alimentare le polemiche, ma abbiamo puntato unicamente ad avere risposte certe al fine di tutelare alunni, corpo docente ed operatori scolastici. Le risultanze dell’incontro, cui farà seguito il parere formale, ci rasserenano e mettono finalmente un punto certo in questa vicenda che, per volontà di pochi, ha assunto contorni che di scientifico hanno ben poco. Ciò che sin dall’inizio taluni non hanno voluto comprendere è che l’amministrazione si è mossa in modo assolutamente trasparente, - aggiungono- puntando a risolvere il problema in maniera seria ed esaustiva, affidandosi alla scienza ma anche alla coscienza. Chi ha creato allarmismo, invece, prosegue la nota di Palazzo di citta’, ha agito nella piena consapevolezza di sfruttare la preoccupazione di genitori ed alunni, gettando sale sulle ferite di un quartiere che ha bisogno di azioni positive ed impegno. Azioni positive ed impegno – concludono - che sono evidenti anche nei lavori di bonifica messi in atto in data 19 settembre”.