15
Lun, Ott

La Corte dei Diritti dell’Uomo respinge memorie dei Riva

La Corte dei Diritti dell’Uomo respinge memorie dei Riva

Ambiente

La Corte dei Diritti dell’Uomo a Strasburgo non terrà in considerazione le memorie depositate dai Riva per decidere sul caso Ilva.  E’ giunto alla fase conclusiva uno dei ricorsi promossi dalla prof.ssa Lina Ambrogio Melle

La Corte dei Diritti dell’Uomo a Strasburgo non terrà in considerazione le memorie depositate dai Riva per decidere sul caso Ilva.  E’ giunto alla fase conclusiva uno dei ricorsi promossi dalla prof.ssa Lina Ambrogio Melle. A comunicarlo la stessa ambientalista che precisa si tratti di una lettera dalla Corte europea giunta “allo studio legale internazionale Saccucci”.

“I Riva avevano infatti presentato una loro memoria come intervento di terzi, pur essendo il nostro ricorso rivolto contro lo Stato italiano che, con le sue leggi SALVAILVA, lede i nostri diritti alla vita, alla salute ed alla vita familiare, riconosciuti come diritti UNIVERSALI dell'uomo.- prosegue Ambrogio Melle -  I nostri avvocati si erano fortemente opposti alle medesime in quanto i Riva hanno mostrato la chiara volontà di non agire come terzi indipendenti e imparziali, ma come interessati all'esito della procedura.  La Corte ha accolto le nostre doglianze e questo rappresenta un altro successo, dopo quello di aver ottenuto la trattazione prioritaria del ricorso”. “Rimaniamo fiduciosi in attesa della sentenza – conclude - e quindi di una svolta giudiziaria di questa drammatica vicenda che sta minando la salute e la vita di inermi cittadini e bambini”