03
Mer, Giu

Cappato assolto per morte Dj Fabo: “Anche a Taranto battaglia per diritti”

Cappato assolto per morte Dj Fabo: “Anche a Taranto battaglia per diritti”

Attualità

L’Associazione Marco Pannella invita i cittadini a redigere il proprio testamento biologico. Depositate ancora migliaia di firme per la proposta di legge di iniziativa popolare sull’Eutanasia Legale

Marco Cappato è stato assolto dal Tribunale di Milano perché il fatto non costituisce reato. Era a processo accusato di aiuto al suicidio per la morte in Svizzera di Dj Fabo.

“I giudici -spiega l'Associazione Marco Pannella- hanno accolto la sentenza della Corte Costituzionale cui si erano appellati e che aveva  stabilito che non è punibile "chi agevola l'esecuzione" del proposito di suicidio "autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche e psicologiche che egli ritiene intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli".

Cappato dopo aver accompagnato Dj Fabo in Svizzera si era autodenunciato proprio per incardinare il processo e fare in modo che la Corte Costituzionale e il Tribunale si esprimessero in assenza di una decisione del Parlamento Italiano. La scorsa estate Cappato aveva raccontato questa esperienza in piazza della Vittoria a Taranto invitato dall'Associazione Marco Pannella per la presentazione del suo libro Credere Disobbedire Combattere, che aveva coinvolto in un approfondito dibattito sui diritti civili numerose associazioni e rappresentanti del territorio.

Sono ancora depositate le migliaia di firme per la proposta di legge di iniziativa popolare sull'Eutanasia Legale cui anche l'Associazione Marco Pannella ha contribuito con diversi tavoli di raccolta a Taranto.

“Nel frattempo- dice l'Associazione - invitiamo tutti i cittadini che non sapessero come redigere il proprio testamento biologico a contattarci. Ricordiamo infatti che dopo il varo della legge nazionale con il consigliere regionale Francesca Franzoso abbiamo fatto approvare una legge regionale per l'istituzione del registro del testamento biologico regionale presso i medici di famiglia. Ma purtroppo regione e Asl non fanno informazione come pure la legge che abbiamo fatto approvare richiede. Per questo continueremo nella nostra battaglia affinché venga garantito a chiunque il diritto di vivere liberi fino alla fine".

Fanizza Group Carglass