03
Mer, Giu

Coronavirus, Emiliano: "Abbiamo ordinato ventilatori e mascherine per 38 milioni di euro"

Coronavirus, Emiliano: "Abbiamo ordinato ventilatori e mascherine per 38 milioni di euro"

Attualità

Il Governatore pugliese, in un post sulla sua pagina Facebook, assicura di stare facendo tutto il possibile per combattere l'emergenza sanitaria Covid-19. Continua la sinergia con la Cina ma gli aiuti veri si aspettano da Roma

Continua la battaglia del Presidente della Regione Michele Emiliano per la tutela di tutti i cittadini pugliesi a fronte dell'emergenza sanitaria Coronavirus. Con un post sulla sua pagina Facebook il Governatore illustra come la Regione stia cercando di ottenere un gran numero di dispositivi di protezione. 

"Stiamo facendo tutto il possibile - afferma Emiliano - per fronteggiare l'emergenza. La nostra sanità è schierata al completo contro il Coronavirus: in Puglia abbiamo riconvertito e riorganizzato le strutture ospedaliere e il 118, a tempo di record. Abbiamo assunto nuovo personale sanitario. Ma questo sforzo da solo non basta. Abbiamo bisogno di tutelare i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari che ogni giorno operano per tutelare la nostra salute. Per tutti loro ho di nuovo chiesto i DPI, i dispositivi di protezione che spettano alla Regione Puglia e che ancora non abbiamo ricevuto. Perché come sapete la fornitura di questi dispositivi è stata centralizzata a Roma, a livello nazionale". 

"Devo confessare - ammette lo stesso Governatore - che sto facendo il “contrabbandiere” sia per le mascherine che per i ventilatori. Mi stanno aiutando i governatori di alcuni stati cinesi con cui avevo rapporti istituzionali da tempo. Con questi canali in autonomia abbiamo fatto ordini per 38 milioni di euro di ventilatori e mascherine sperando che riescano ad arrivare.
Ho lanciato questo allarme, sia nelle sedi istituzionali sia a livello pubblico per informare i cittadini di quanto sta avvenendo. Oggi pomeriggio ci sarà una riunione con Governo e gli altri Presidenti di Regione dove tornerò a fare questa richiesta con la massima determinazione possibile".

Fanizza Group Carglass