17
Mer, Ott

"Sui nostri corpi decidiamo noi"

"Sui nostri corpi decidiamo noi"

Attualità

Femminicidio e violenza di genere. Assemblea pubblica ieri, nel cuore di Taranto, sull'odioso fenomeno

Si è svolta ieri, mercoledì 19 luglio, in Piazza della Vittoria, l'assemblea pubblica "Sui nostri corpi decidiamo noi", partendo da un recente episodio di violenza subìto da una giovane donna di Taranto, che prende il nome di slut - shaming e che consiste nel far sentire una donna inferiore e colpevole per comportamenti che si discostano dalle aspettative sociali di genere. Si è poi parlato dei continui femminicidi ed episodi di violenza nei confronti di donne, verificatisi sul territorio.
Si legge questo in una nota dell'Associazione "Non una di meno": "Abbiamo ribadito a gran voce che l'ideologia del decoro non ci appartiene, soprattutto in una città come Taranto, dove le contraddizioni del modello di sviluppo violentano quotidianamente i nostri corpi in nome del profitto". L'iniziativa ha inoltre rappresentato un'occasione utile per evidenziare l'importanza della formazione e dell'educazione alle differenze e ai sentimenti, come punto di partenza per contrastare la dominante cultura patriarcale e maschilista. Il lavoro realizzato ha dato vita ad un opuscolo informativo sui temi e i servizi che interessano gravidanza, aborto, contraccezione e violenza. Nuova riunione prevista per venerdì 28 luglio alle ore 19.00 presso l'Archeotower.

Fanizza Group Carglass