Breaking news
Domenica, 10 Dicembre 2017
Incidente nella notte. Scontro sulla Statale 172: un ferito

Cronaca
Typography

Incendio di natura dolosa, nella notte, a Taranto. A farne le spese l'attività commerciale di Floriana De Gennaro che, da meno di un mese, ha reso nota la sua volontà di correre per lo scranno più alto di Palazzo di città. Probabile che il gesto abbia come obiettivo quello di intimorire l'imprenditrice che aspira a diventare sindaco

Ignoti piromani, intorno alle 3.00, hanno appiccato il fuoco al "Caffè Italiano", di Floriana De Gennaro. Le fiamme hanno provocato danni importanti alla copertura esterna. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco, per sedare il rogo ed evitare che determinasse ulteriori danni, e la Polizia di Stato per le indagini necessarie a risalire all'identità dei malfattori. La titolare del noto esercizio commerciale, ubicato nella centrale Piazza Giovanni XXIII, ha da circa venti giorni ufficializzato la sua candidatura a sindaco di Taranto. Facile immaginare che l'attentato incendiario possa avere dunque una matrice politica. Amare considerazioni quelle che l'imprenditrice ha fatto sul social in riferimento ad una città che minaccia e brucia il lavoro e la vita stessa. Tra i primi a manifestare solidarietà a Floriana De Gennaro, il Presidente del Consiglio Comunale di Taranto, Piero Bitetti:"Ho appreso dell'attentato incendiario subito da un'attività commerciale riconducibile a Floriana De Gennaro, valente imprenditrice impegnata sul piano civico e possibile candidata alla carica di sindaco. A lei esprimo profonda solidarietà e auspico che le forze dell'ordine possano quanto prima assicurare alla Giustizia gli autori del vile gesto. Mi auguro inoltre che la campagna elettorale per il rinnovo del Consiglio comunale si svolga nel pieno rispetto delle persone e facendo prevalere il dialogo e il confronto tra le proposte programmatiche in campo. Il clima da caccia alle streghe, che pure sembra affacciarsi prepotentemente nel dibattito pubblico locale, non serve a niente e a nessuno".

 

 

Fanizza Group Carglass