Breaking news
Sabato, 22 Luglio 2017
CROCIERE A TARANTO. Lunedì il quarto approdo della Thomson Spirit 

"Maghi delle slot" in manette

Cronaca
Typography

Bloccati dagli agenti del Commissariato di Grottaglie due uomini di origini campane. Erano già riusciti a sottrarre circa 1.000 euro da un centro scommesse, inserendo nella gettoniera dei ferretti


Arrestati due pregiudicati di origini campane: Fiore Morelli, 37 anni, e Alfredo Ardovino di anni 27, sorpresi a rubare all’interno del punto SNAI nel centro di Grottaglie. I poliziotti delle volanti, allertati dal titolare che aveva notato i giovani muoversi con fare sospetto all’interno della sala, si sono recati presso il punto scommesse e hanno bloccato i due all’uscita del locale, mentre si dirigevano verso la loro macchina, dove ad attenderli c’era un terzo complice, di origini rumene. La visione delle immagini dell’impianto di videosorveglianza ha consentito di accertare che i due, entrati nella sala scommesse, si erano diretti verso le slot-machines dove, mentre uno dei due faceva da scudo per nascondere i movimenti del suo complice, l’altro introduceva nella gettoniera delle slot-machines due ferretti, poi sequestrati, che hanno consentito di alterare il funzionamento della macchina favorendo l’erogazione delle vincite. L’operazione è stata ripetuta diverse volte nell’arco di mezzora, su almeno tre diverse slot-machines, così da consentire agli arrestati di impossessarsi illecitamente di una somma di circa mille euro, denaro poi nascosto all’interno del marsupio indossato da uno dei due e infine sequestrato dagli agenti. I due sono stati fermati ed accompagnati presso gli uffici del Commissariato dove, dopo le formalità di rito, su disposizione dell’autorità giudiziaria competente, sono stati tratti in arresto ed accompagnati presso la Casa Circondariale del capoluogo. Dagli accertamenti effettuati è emerso che gli arrestati erano dei veri e propri specialisti in materia: la tecnica era già stata di recente utilizzata in altre parti d’Italia. Infatti i due erano già stati più volte denunciati per fatti analoghi.

 

 

Fanizza Group Carglass