BREAKING NEWS
Domenica, 22 Ottobre 2017
"Wind day. Libertà negate ai cittadini, un favore agli inquinatori". Domani dalle 10.30 alle 12.30 sit in di protesta, organizzato dai "Genitori Tarantini",  sotto la Prefettura

Arrestato per maltrattamenti in famiglia

Cronaca
Typography

Un 48enne di Massafra è finito in manette in seguito alla telefonata fatta al 112 dalla moglie. La donna chiedeva aiuto in quanto il marito, in forte stato di agitazione, la stava picchiando

I Carabinieri del N.O.R. - Aliquota Radiomobile della Compagnia di Massafra hanno arrestato, in flagranza dei reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e violenza privata, un 48enne del posto, con precedenti di polizia.
La telefonata pervenuta al “112”, fatta da una donna che chiedeva aiuto, in quanto il proprio marito, in forte stato d’agitazione, la stava picchiando, ha consentito, all’operatore di turno della Centrale Operativa della Compagnia di Massafra, di inviare sul posto due gazzelle dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Carabinieri.
I militari, giunti presso l’abitazione, sita nel centro di Massafra hanno trovato la casa a soqquadro, l’uomo in evidente stato d’agitazione e la moglie e la madre di quest’ultima, entrambe doloranti. La lite, scaturita verosimilmente per motivi di gelosia che l’uomo provava verso la moglie, è degenerata nelle percosse sia nei confronti della donna che nei confronti dell’anziana suocera, intervenuta per tentare di fermare il genero.
Il personale del 118 ha trasportato le donne presso l’Ospedale di Castellaneta, dove, in relazione alle precosse subite, sono state medicate e riscontrate affette da lesioni, guaribili in pochi giorni.
Al termine degli accertamenti sanitari, le donne si sono presentate negli uffici della Compagnia Carabinieri di Massafra, dove, hanno raccontato i fatti; in particolare, la moglie ha fatto emergere il contesto di assoggettamento psicologico e vessatorio in cui versava e delle ripetute percosse che era costretta a subire dal marito per la sua gelosia.
La triste vicenda si è conclusa con l’arresto del 48enne, il quale, come disposto dal P.M. di turno presso la Procura della Repubblica del capoluogo ionico, all’esito delle formalità di rito è stato tradotto presso l’abitazione di un suo conoscente dove dovrà permanere in regime di arresti domiciliari.

Fanizza Group Carglass