Breaking news
Martedì, 22 Maggio 2018
Laterza. Allontanato dalla casa familiare viene arrestato perché non rispetta le prescrizioni del giudice

Assolti i tre senegalese accusati di furto

Cronaca
Typography

Sono stati assolti i tre ragazzi senegalesi arrestati qualche settimana fa per furto in un cantiere di materiali edili a Pulsano. I giovani sarebbero stati raggirati da un truffatore 

Sono stati assolti i tre ragazzi senegalesi arrestati qualche settimana fa per furto in un cantiere di materiali edili a Pulsano. I tre giovani sono stati sorpresi dai Carabinieri locali mentre caricavano su un camion materiale ferroso. Durante il processo per direttissima sarebbe emersa una lettura diversa degli avvenimenti: i tre, infatti sarebbero stati contattati da un uomo di Pulsano, il quale li avrebbe ingaggiati per un lavoro occasionale e fornito loro indicazioni per raggiungere il cantiere, dove avrebbe loro impartito le disposizioni di caricare il cassone. L’uomo si sarebbe poi allontanato. I giovani, alla vista dei carabinieri, hanno poi spiegato i fatti confermati anche dall’assenza di arnesi da scasso. I ragazzi sarebbero stati raggirati da un truffatore, di nazionalità italiana, che li avrebbe indotti inconsapevolmente al furto. La stessa testimonianza di una operatrice del centro di accoglienza dove i tre sono ospitati, ha fatto chiarezza sulla moralità dei giovani e circa la loro instancabile ricerca di lavoro per guadagnarsi da vivere onestamente. La vicenda è apparsa subito chiara al Pubblico Ministero che ne ha chiesto l’assoluzione. “Siamo certamente soddisfatti per la conclusione di questa vicenda, - dichiara il presidente dell’associazione Babele, Enzo Pilò - ma ci rimane lo sconforto per la notizia emersa che contribuisce a gettare benzina sul fuoco del pregiudizio. Ci auguriamo, adesso, che si faccia luce piena su quanto accaduto, e – conclude -  che gli organi competenti rintraccino il responsabile attraverso gli elementi già in mano alle forze dell’ordine, perché sia resa giustizia fino in fondo e perché non si continui a scambiare le vittime per carnefici”.

Fanizza Group Carglass