13
Gio, Dic

Caporalato: tre rumeni in arresto

Caporalato: tre rumeni in arresto

Cronaca

Erano 16 i braccianti a bordo del furgone posto sotto controllo dai Carabinieri. I lavoratori, ai quali era stata promessa l’assunzione, erano diretti nelle vicine campagne per lavorare 10 ore al giorno con una retribuzione media giornaliera di 30 euro, effettivamente mai corrisposta

I Carabinieri della Stazione di Marina di Ginosa e dell’Aliquota Operativa del N.O.R. della Compagnia di Castellaneta hanno arrestato un 34enne, un 31enne e una 29enne, tutti di origine rumena, residenti a Ginosa e ritenuti responsabili di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. Nel corso dell’attività, in Marina di Ginosa, i militari hanno notato un furgone sospetto dove vi erano numerose persone; hanno proceduto al controllo del veicolo accertando che, all’interno dello stesso, adibito per il trasporto di 9 persone, grazie all’eliminazione dei sedili posteriori, vi erano 16 lavoratori oltre ai tre “caporali”. Durante l’attività, gli operanti hanno verificato che i braccianti, con la promessa di ottenere una regolare assunzione, erano diretti nelle campagne limitrofe per lavorare nei campi per 10 ore al giorno con una retribuzione media giornaliera di 30,00 euro, mai corrisposta. I tre rumeni sono stati tratti in arresto e processati ieri mattina con rito direttissimo.  Contestualmente è stato eseguito il sequestro preventivo, finalizzato alla confisca (secondo quanto previsto dal nuovo impianto normativo anticaporalato), del mezzo utilizzato per il trasporto dei lavoratori.

Fanizza Group Carglass