24
Mer, Apr

“Truffa dello specchietto”: minacce per estorcere soldi

“Truffa dello specchietto”: minacce per estorcere soldi

Cronaca

Ormai nota la tecnica con la quale si cerca di estorcere denaro a vittime inconsapevoli, spesso donne e anziani, inscenando incidenti inverosimili. Stavolta nella rete è finito un 79enne

Ancora un tentativo di estorsione ai danni di anziani. I carabinieri della Stazione di Marina di Ginosa hanno arrestato, nella flagranza dei reati di estorsione e truffa, un siracusano 27enne, Filippo Sesta con precedenti alle spalle.

Durante un servizio di pattuglia, i militari hanno sorpreso l'uomo farsi consegnare, dietro intimidazioni e minacce verbali, 40 euro da un 79enne del luogo. Il giovane pregiudicato aveva inscenato la diffusa tecnica dello specchietto. Alla guida di una lancia y, il 27enne  aveva speronato il poveretto, a sua volta a bordo della propria autovettura, accusandolo falsamente di avergli rotto lo specchietto retrovisore laterale con una manovra errata. Con questo pretesto il giovane era riuscito a farsi consegnare una somma in denaro a titolo di risarcimento.

Non soddisfatto il 27 enne aveva preteso altre 72 euro ricorrendo a vere e proprie intimidazioni verbali. Il giovane è stato condotto nel carcere di Taranto mentre il denaro recuperato è stato restituito alla vittima. Non è la prima volta che si fa appello a tali mezzi subdoli per racimolare qualche soldo. Le vittime privilegiate sono solitamente appartenenti a “fasce deboli”, donne e anziani prevalentemente, prede facili a fronte di risarcimenti danni fasulli. In casi analoghi è consigliabile chiedere l’intervento delle Forze dell’ordine soprattutto in presenza di sinistri dubbi.

Fanizza Group Carglass