19
Mar, Mar

GdF: sequestro beni per un mln e 500 mila euro a due imprenditori tarantini

GdF: sequestro beni per un mln e 500 mila euro a due imprenditori tarantini

Cronaca

Entrambe le imprese utilizzavano fatture false

I militari del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Taranto hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo “per equivalente” di beni mobili, immobili e disponibilità finanziarie per un totale di  un milione e 500 mila euro, nei confronti dei titolari di due imprese di Taranto operanti nel settore dell’elettronica e della telefonia.

Il provvedimento, emesso dal G.I.P. del Tribunale di Taranto, dott.ssa Vilma Gilli, su proposta del P.M. della Procura della Repubblica, dott. Maurizio Carbone, scaturisce da una verifica fiscale eseguita dalle Fiamme Gialle, dal Nucleo PEF, dalla quale è stata constatata, a carico di una delle due imprese, l’omessa dichiarazione di ricavi per 3 milioni e 200 mila euro e l’evasione di I.V.A. per 556 mila euro. Emesse ed utilizzate da entrambe le attività fatture false per 262 mila euro.

Le due imprese emettevano fatture riportanti medesime operazioni commerciali, ma in formato grafico diverso per ciascuna, e alcuni pagamenti effettuati con assegni bancari da una impresa ed annotati dall’altra quale incassati “in contanti”. Singolare infine che 4 fatture, riportassero la stessa numerazione e la stessa data ed importo, ma cessioni di beni diversi per natura, qualità e quantità. Le Fiamme gialle hanno così predisposto il sequestro pari al totale delle imposte evase.

Fanizza Group Carglass