11
Mar, Dic

Le stelle di Natale dell'Ail nelle piazze

Le stelle di Natale dell'Ail nelle piazze

Attualità

Dal 7 al 9 dicembre sarà possibile sostenere l'Ail e le sue iniziative a sostegno dei pazienti ematologici. Le stelle di Natale dell’Ail saranno disponibili, per un contributo minimo di 12 euro, nelle piazze di Taranto e di alcuni Comuni della provincia

In occasione dell’inizio delle festività natalizie e dell’Immacolata Concezione, ritornano le stelle di Natale dell’Ail, Associazione Italiana contro le leucemie linfomi e mieloma, dal 7 al 9 dicembre in 4800 piazze, grazie all’impegno dei volontari.
Quest’anno l’iniziativa compie trent’anni ed è nata dall’intuizione di Rosalba Di
Filippo Scali, presidente della sezione Ail di Reggio Calabria che, durante il consiglio nazionale dell’associazione nel 1988 ha proposto di vedere le piantine in tutte le città in cambio di un contributo. In questi trent’anni migliaia di stelle di Natale hanno invaso le piazze diventando il simbolo dell’Ail.
Negli anni l’iniziativa ha dato la possibilità di destinare le somme raccolte per finanziare i progetti di ricerca scientifica e di assistenza sanitaria, contribuendo a far conoscere i miglioramenti ottenuti nel trattamento dei tumori del sangue. I risultati raggiunti mediante gli studi scientifici e le terapie sempre più mirate ed efficaci, insieme al trapianto di cellule staminali, hanno portato a un grande miglioramento sia nella diagnosi sia nella cura dei pazienti ematologici.
Nata nel 1969 da un’intuizione del Prof. Franco Mandelli, l’Ail promuove e sostiene la ricerca scientifica per la cura delle leucemie, dei linfomi e dei mielomi, e svolge il compito di sostenere i pazienti e le loro famiglie nel lungo percorso della malattia, nel totale rispetto della persona e della dignità umana.
Oltre alla ricerca, svolta dalla Fondazione Gimema Onlus, l’associazione si occupa del servizio di cure domiciliari che consentono ai pazienti di essere seguiti nella propria casa, seguiti da una equipe multi professionale, dando così la possibilità di anticipare le dimissioni e di ridurre il rischio di infezioni per coloro che hanno subito una chemioterapia molto intensa. Inoltre, grazie alle Case Ail, si è raggiunto uno degli scopi preposti, quello di migliorare la qualità della vita del malato e della loro famiglia attraverso la creazione di strutture che incontrino le necessità di chi soffre. Le Casa Ail rappresentano un passaggio importante nel percorso verso il raggiungimento dell’obiettivo finale di dotare ogni centro di cura di una propria residenza.
Martedì 27 novembre si è svolta al Policlinico Umberto I di Roma l’inaugurazione del reparto pediatrico di Ematologia, dedicato al Prof. Mandelli, scomparso nel luglio di quest’anno, rinnovato grazie al supporto della sezione di Roma dell’Ail, dell’Associazione Trenta Ore Per La Vita e di donatori privati e istituzionali.
Nel reparto sono state realizzate due zone filtro con ingresso, una zona protetta nell’area di degenza per i pazienti che necessitano di un maggior isolamento, il day hospital è stato completamente ridisegnato e sono stata realizzata la sala giochi.
Le stelle di Natale dell’Ail saranno disponibili, per un contributo minimo di 12 euro, nelle piazze di Taranto, Avetrana, Carosino, Castellaneta, Crispiano, Faggiano, Fragagnano, Ginosa, Grottaglie, Laterza, Leporano, Lizzano, Manduria, Martina Franca, Maruggio, Massafra, Monteiasi, Montemesola, Monteparano, Mottola, Palagianello, Palagiano, Pulsano, Roccaforzata, San Giorgio Ionioc, San Marzano di San Giuseppe, Sava, Statte e Torricella.

 

Fanizza Group Carglass