19
Ven, Lug

Stranezze di primavera

Stranezze di primavera

Attualità

Breve tregua prevista per venerdì, ma già da sabato una nuova perturbazione si avvicinerà all'Italia

La primavera, si sa, è una stagione di transizione ed è quindi naturale che si alternino situazioni di tipo invernale ed estivo, con queste ultime in rapida ascesa verso la fine del periodo. La primavera 2019 ha in pratica rovesciato le attese, riservandoci situazioni quasi estive all'inizio e quasi invernali alla fine. A causa dei fenomeni più vistosi, è chiaro che gli avvenimenti di questi giorni fanno più notizia, ma in entrambi i casi siamo di fronte ad evidenti anomalie. L'attuale fase di maltempo è stata causata dalla repentina discesa di correnti molto fredde per la stagione direttamente dalle latitudini polari al Mediterraneo centrale. Qui è stato forte il contrasto con l'aria calda preesistente e da ciò i fenomeni intensi. E siccome l'aria in quota era molto fredda, le nubi si sono sviluppate molto verso l'alto, favorendo la formazione di chicchi di ghiaccio che poi precipitano al suolo sotto forma di grandine. Non è mancata la neve, non solo sulle Alpi, ma anche sugli Appennini, evento piuttosto raro nel mese di maggio. A complicare il quadro va detto che ad ovest e ad est dell'Italia vi sono al contrario due aree anticicloniche che in sostanza bloccano il vortice che non ha così la possibilità di spostarsi. Pertanto, mentre in Spagna si fanno i primi bagni al mare, in Italia si riaccendono i riscaldamenti e purtroppo si fa la conta dei danni che tale situazione ha generato. Ma quale sarà l'evoluzione? Il vortice lentamente si sposterà verso levante, indebolendosi, poiché non più alimentato da correnti fredde. L'alta pressione, sia pur sfiancata dalla lotta, avanzerà verso di noi e ciò ci garantirà una tregua per venerdì prossimo. Ma già da sabato una nuova perturbazione si avvicinerà all'Italia, ma stavolta con qualche novità. L'aria instabile sarà meno fredda e si muoverà prevalentemente da ovest verso est. Il che significa che le piogge saranno presenti per lo più al centro-nord, mentre al sud sarà possibile una nuvolosità irregolare con scarse probabilità di pioggia e temperature miti. Di questi tempi ci si dovrà accontentare. Non ci si può esprimere molto per i giorni successivi, poiché anche i modelli meteorologici sono in difficoltà, in quanto condizioni come le attuali non erano del tutto contemplate nei dati trentennali presi in considerazione. È comunque un altro segno del clima che cambia. Volete un altro esempio? Se avete voglia di fare una bella passeggiata sotto un bel sole, al momento il posto giusto è... la Scandinavia! Ma non disperate. C'è tutto il tempo per recuperare, l'estate è ormai alle porte e basterà poco affinché maglioni ed impermeabili diventino un ricordo.

 

Nella cartina che proponiamo, relativa al 19 maggio, si può notare il raffreddamento della Spagna e il forte riscaldamento della Scandinavia

Fanizza Group Carglass