23
Mar, Lug

Emiliano e Melucci al Porto

Emiliano e Melucci al Porto

Attualità

Il Governatore in questo momento si trova sul luogo dell'incidente. In mattinata il sindaco ha portato “un commosso saluto” al Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale. Entrambi hanno manifestato vicinanza alla famiglia del gruista disperso

Il Presidente della Regione mentre scriviamo si trova al Porto di Taranto. Queste le sue dichiarazioni nelle scorse ore: “Sono ore di angoscia e disperazione per la vita di un lavoratore disperso nel gravissimo incidente avvenuto oggi a Taranto in un’area della fabbrica ex Ilva - Arcelor Mittal. Mentre si discute di contratti, clausole esimenti e addendum segreti, la comunità pugliese piange un altro figlio suo. Un altro operaio che ha messo a rischio la propria vita sul lavoro, per lavoro, in un zona già teatro, sette anni fa, di un analogo, terribile incidente. Avevamo segnalato all’affittuario e al governo, da ultimo il 24 giugno, lo stato drammatico del compendio industriale a causa della assenza di manutenzione ordinaria. Le immagini che giungono in questi minuti testimoniano che poteva essere una strage. Ora è il momento dello sgomento, del dolore indicibile e della flebile speranza di ritrovare in vita l’operaio disperso. Verrà il tempo di accertare i fatti e operare di conseguenza, senza timori. Non deve succedere più. Non deve succedere mai più".

“L’Amministrazione comunale si stringe intorno alla famiglia ed ai colleghi del giovane Cosimo Massaro” A parlare il sindaco Melucci. “Siamo sgomenti per un incidente che ha replicato esattamente la tragedia di alcuni anni fa, segno che qualcosa su quel pontile non funziona a dovere, segno che ancora tanto si deve fare all’interno delle aree dello stabilimento siderurgico per tutelare la vita umana. Non c’è ancora nessuna ufficialità, ma abbiamo purtroppo abbandonato ogni speranza nella serata di ieri. Si rispetti oggi il dolore di una intera comunità, nessuno violi e strumentalizzi un momento così drammatico. Taranto è stanca di soffrire e di essere usata, la terra ionica tutta merita risposte e attenzione, a cominciare proprio dai luoghi di lavoro”.

il Comune proclamerà il lutto cittadino. Il primo cittadino ha inoltre portato questa mattina “un commosso saluto” al Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Sergio Prete per i drammatici avvenimenti del IV Sporgente di ieri sera, ed ha espresso la solidarietà della città di Taranto a tutte le maestranze dello scalo ionico ed in particolare ai lavoratori dei pontili ex Ilva. 
“Il Porto - commenta il Sindaco - è luogo di vita, di energia e di ricchezza, importantissimo per il futuro di Taranto, mi auguro che si torni presto a parlare delle sue eccellenze, ma oggi non possiamo non sottolineare che occorre fare di tutto per garantire la sicurezza degli impianti e le misure di prevenzione a favore di tutte le categorie impegnate ogni giorno sulle banchine. È una sfida di civiltà.”

 

Fanizza Group Carglass