15
Mer, Lug

Sospensione CdL Medicina: il disappunto dell'Asl

Sospensione CdL Medicina: il disappunto dell'Asl

Attualità

“Avrebbe potuto elevare ancor più il livello della sanità tarantina”: L’Azienda Sanitaria Locale di Taranto esprime disappunto per la sospensione del Corso di Laurea e auspica una rivalutazione dell'importante opportunità per il territorio

Si ritiene che il corso avrebbe potuto elevare ancor più il livello della sanità tarantina, inserendosi in un percorso di miglioramento perseguito negli ultimi anni dalla direzione strategica dell’ASL Taranto, che si è esplicato, tra l’altro, nella rifunzionalizzazione dell’Ospedale “Moscati”, divenuto ospedale oncologico, nell’acquisizione di strumentazione d’avanguardia nei diversi reparti dei due ospedali cittadini, nel reclutamento di professionalità di eccellenza. Tali azioni hanno permesso di ridurre il tasso di emigrazione sanitaria e di accrescere, al contrario, quello di immigrazione da altre regioni.
Il corso, infatti, sarebbe stato un volano di sviluppo non soltanto in termini meramente accademici:diversi ambiti della società civile ne avrebbero sicuramente beneficiato, in una città che, nelle sue diverse articolazioni, lentamente sta provando a riappropriarsi di quanto le è stato tolto nel corso degli anni.
L’ASL Taranto confida negli organi competenti, affinché si effettui una rivalutazione finalizzata a ricollocare il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia a Taranto, e conferma la massima disponibilità in termini professionali e tecnici, già espressa nelle sedi opportune, per l’istituzione e lo sviluppo del corso.

Fanizza Group Carglass