Sul piccolo Giorgio Di Ponzio si accanisce anche l’INPS