BREAKING NEWS
Domenica, 28 Maggio 2017
CANOA POLO. Si conclude oggi presso la Sezione L.N.I. di Taranto il campionato maschile di A1

La Regione Puglia al Salone del Libro di Torino

Cultura
Typography

La Puglia è presente alla 30 esima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, festival dedicato alla lettura. Ventidue case editrici e duecento ospiti tra scrittori, editori, giornalisti, attori. Per l'occasione Alessandro Bulgini, artista nato a Taranto e trapiantato a Torino, presenterà Taranto Opera Viva

Ventidue case editrici, oltre cinquanta appuntamenti, duecento ospiti tra scrittori, editori, giornalisti, attori, professionisti, quattro festival dedicati alla lettura. Sono questi i numeri della Regione Puglia alla 30esima edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino in programma dal 18 al 22 maggio. “Oltre il confine” il tema che la Puglia indagherà al Salone torinese attraverso lo sguardo di chi abita il territorio o, più semplicemente, lo ha attraversato.

“Partecipiamo a questo Salone da protagonisti,- ha commentato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano - portando a Torino il nostro patrimonio di autori, editori, storie e ispirazioni legate al mondo della lettura. Dopo il grande successo dello scorso anno, la Puglia è pronta a lasciare il segno anche in questa edizione. Il Salone del Libro è un momento speciale per condividere con un pubblico ampio le nostre energie migliori, - prosegue Emiliano - per metterle a sistema e aumentare l'attrattività di una regione come la Puglia, terra non solo di straordinari scrittori, ma anche luogo ideale da visitare, per chi ama leggere circondato da bellezza e autenticità”. Da Gianrico Carofiglio a Mario Desiati, Carlo Bruni, Francesco Marocco, Alessio Viola, Nunzia Antonino, Eduardo Kovalivker, Rosa De Feo, Nadia Boccacci, Clara Nubile, Vito Antonio Leuzzi, Raffaele Pellegrino, Danilo Sbrana, Alketa Vako e tanti altri.

È il Salone Internazionale del Libro di Torino il luogo scelto dalla Regione Puglia per fornire le prime anticipazioni relative al Piano strategico regionale della Cultura, avviato alla fine dello scorso anno e sviluppato in questi mesi il confrotno con attori pubblici e privati del Sistema culturale pugliese. Il Piano, denominato P.i.i.i.L., rimanda alla Cultura quale modello alternativo di sviluppo economico di un Territorio straordinario come quello pugliese replicabile in tutto il Mezzogiorno.Diversi gli obiettivi strategici tra questi una oculata pianificazione strategica pluriennale (non solo finanziaria) e la qualificazione della spesa (spendere tutto e bene).

Nel corso del talk Alessandro Bulgini, artista nato a Taranto e trapiantato a Torino, presenterà Taranto Opera Viva, seconda edizione: Isola dei Famosi (2017), un progetto artistico divenuto un caso-studio e un esempio paradigmatico, particolarmente significativo nella prospettiva del Piano Strategico della Cultura e in una Città come Taranto dove si gioca la vera sfida del modello alternativo di sviluppo economico. Attraverso operazioni come Ce si Macist?, Secondo tentativo di spostare l’Isola, Stazione sciistica Città Vecchia, Baita in via Duomo. Il lavoro dell’autore è fondato sulla conoscenza diretta e approfondita del contesto di riferimento - l’Isola di Taranto Vecchia, uno degli spazi urbani al tempo stesso più difficili e più affascinanti dell’intera regione, e dell’Italia - al punto da diventare in qualche strano modo molto più che meramente partecipativo: quasi un’estensione diretta e spontanea delle istanze provenienti dalla comunità stessa. Come ha affermato l’artista stesso: “Sto sempre di più cercando di assomigliare all’asfalto… a queste pareti… una sorta di camouflage”.