BREAKING NEWS
Domenica, 22 Ottobre 2017
"Wind day. Libertà negate ai cittadini, un favore agli inquinatori". Domani dalle 10.30 alle 12.30 sit in di protesta, organizzato dai "Genitori Tarantini",  sotto la Prefettura

Un calice salverà Taranto

Cultura
Typography

Taranto e il vino raccontano assieme una storia millenaria. Il 10 agosto, con l’evento “Calici di Stelle”, si celebrerà ancora una volta la magia di questa unione che deve preludere ad un futuro sociale ed economico diverso e migliore per il capoluogo jonico

“Creiamo diversificazione abbandonando la monocultura industriale e rendiamo Taranto una città accogliente; questo evento è solo uno dei piccoli mattoni col quale va costruito il nuovo edificio”. Così si esprime Valentina Tilgher, neo-assessore allo Sviluppo Economico e Marketing Territoriale del Comune di Taranto, durante la presentazione dell’evento “Calici di Stelle 2017”, la manifestazione del Movimento Turismo del Vino giunta in Puglia alla 19esima edizione e in programma giovedì 10 agosto a Taranto. Alla conferenza stampa presso l'Assessorato allo Sviluppo Economico sono intervenuti inoltre: Maria Teresa Basile, Consigliere Prov. Taranto e rappresentante del Movimento Turismo del Vino Puglia; il Comandante Fabio Farina, Capo di Stato Maggiore del Comando Marittimo Sud della MM; Marianna Cardone, Presidente Delegazione Puglia – Ass. Nazionale Le Donne del Vino. A moderare l'incontro Vittoria Cisonno, direttore MTV Puglia. Taranto e il vino raccontano assieme una storia millenaria. Con i “Calici di Stelle”, si celebrerà ancora una volta la magia di questa unione che deve preludere ad un futuro sociale ed economico diverso e migliore per il capoluogo jonico. L'attesissimo evento enogastronomico estivo, organizzato dal Movimento Turismo del Vino in collaborazione con l'associazione nazionale Città del Vino, ogni anno coinvolge migliaia di residenti e turisti con degustazioni di vini, iniziative culturali e momenti di spettacolo e, per la prima volta, si è scelto il capoluogo jonico.
“Cultura, turismo, agricoltura, sono i tre elementi che renderanno Taranto regina dell’Italia”, continua l’assessore Tilgher, che appare estremamente carica e motivata al suo esordio nel nuovo ruolo assegnatele dal sindaco Melucci. Ci saranno tutti gli occhi puntati sulla città da parte delle riviste nazionali di turismo ed enoturismo. Ed oggi sappiamo che il turismo esperienziale è la carta vincente da giocarsi, sia verso viaggiatori italiani che stranieri. “Un modo per mettere Taranto in vetrina”, quindi, come ribadisce la consigliera Basile c’è da prevedere che una volta tanto, gli ospiti, i “wine lovers”, alloggeranno nella città dei due mari. “Alla degustazione dei vini si affiancano le iniziative culturali con, in più, una attenzione particolare per le persone fragili (altro aspetto vincente dell’accoglienza turistica futura) che troveranno un percorso sensoriale adatto agli ipovedenti all’interno del Castello Aragonese messo a disposizione per l’evento dalla M.M., mentre è stato messo a disposizione dalla direttrice Eva Degl’innocenti, il celebre Museo Nazionale Archeologico, fino alle 23.30 nella sera delle stelle cadenti. Il primo tour sarà infatti, “MArTa - il vino nell’archeologia”. I visitatori saranno condotti all’interno di uno dei più importanti musei archeologici al mondo, custode di un fondamentale capitolo della storia della Magna Grecia con importanti reperti legati all’uso del vino e ai rituali ad esso connessi, a cura di Nova Apulia. Il secondo itinerario, dal titolo “Alla Scoperta dell’antica Taras”, a cura degli archeologi accreditati dalla Soprintendenza e guide abilitate dalla Regione Puglia, vuole mettere invece in luce l’urbanistica dell’antica Taras.
I non vedenti potranno prendere parte anche grazie alla presenza di materiali tradotti in braille. Obiettivo è quello di incoraggiare la conoscenza del vino in una categoria di persone che, sebbene svantaggiata dalla perdita della vista, risulta in questo settore avvantaggiata dallo sviluppo compensativo delle facoltà olfattive.
Il Castello Aragonese sarà, peraltro, teatro di una serie di attività ludico - culturali dedicate alla formazione e alla conoscenza del vasto patrimonio vitivinicolo regionale, che già in passato hanno raccolto un ottimo gradimento da parte del pubblico, con inizio alle ore 20.30. Info point dove acquistare il kit dedicato e organizzarsi, via app, per assaggiare ben 150 tipologie di vino, saranno in piazza Garibaldi e alla Discesa Vasto.
“La Marina Militare di stanza a Taranto, ricorda il com. Farina, vuole dare il proprio contributo ad iniziative che servano allo sviluppo economico e sociale della città, dato che Taranto ospita il maggior numero di unità navali e tante famiglie di militari che sono interessate ad inserirsi in un contesto con buona qualità della vita”. All’interno del castello, si svolgerà un seminario su Nero di Troia, Primitivo, Negroamaro - principali vitigni autoctoni pugliesi - con un minicorso di degustazione condotto da sommelier professionisti. Al termine, sempre istruttivo, ma in chiave più curiosa e divertente, si svolgerà “A Prova di Naso” dove si potrà giocare con il proprio olfatto, cercando di individuare nel calice i sentori principali dei tre vitigni suddetti.
Durante la serata, due i momenti musicali, fondamentali per arricchire la degustazione sotto le stelle e completare il racconto dei vini anche attraverso brani popolari e lirici.
A Scesa Vasto, in un’allegra atmosfera da osteria, il gruppo di musica folkoristica “U'munacidde” sarà interprete de “Il Vino nella Musica”, emozionante repertorio tradizionale pugliese, che vedrà come protagonista il vino e il cibo. Attraverso racconti di feste popolari, si canterà del vino, della vendemmia, dei brindisi che abitualmente si improvvisavano durante le cerimonie nuziali.  La cassa armonica liberty dei giardini di Piazza Garibaldi farà da cornice a “Il Vino nell'Opera” spettacolo a cura dell'associazione culturale “Gershwin”. Tre solisti - tenore, baritono e soprano - con un coro di 35 voci e l'accompagnamento di pianoforte e quintetto d’archi diretti da Fabrizio Signorile, eseguiranno un brillante repertorio di arie d'Opera inneggianti il vino. Gli spettacoli si ripeteranno più volte nel corso della serata. L’evento prenderà il via alle ore 20,30 dalla magnifica cassa armonica dei giardini di piazza Garibaldi con il brindisi inaugurale, alla presenza delle istituzioni, sulle note di “Libiamo ne lieti calici”, brano tratto da “La Traviata” di Giuseppe Verdi.
Stelle della serata saranno i vini di Puglia, rappresentati da 67 cantine socie del Movimento Turismo del Vino Puglia che offriranno le proprie etichette nei banchi d’assaggio presidiati dai sommelier dell'AIS Puglia.
Per completare, il Movimento Turismo del Vino si terrà anche in cantina, in modo da consentire agli enoturisti che non potessero raggiungere Taranto, di goderne visitando le aziende e degustando i vini direttamente nei luoghi di produzione. Ad aprire le porte il 10 agosto le cantine Tor de Falchi a Minervino Murge, Mazzone a Ruvo di Puglia e si concluderà il 12 agosto da Felline a Manduria.