BREAKING NEWS
Domenica, 22 Ottobre 2017
"Wind day. Libertà negate ai cittadini, un favore agli inquinatori". Domani dalle 10.30 alle 12.30 sit in di protesta, organizzato dai "Genitori Tarantini",  sotto la Prefettura

Rumiz racconta la sua via Appia

Cultura
Typography

Il grande scrittore - e storico - sarà questa sera a Taranto per presentare il suo originale lavoro. Le fotografie di Antonio Politano (realizzate per il National Geographic Italia) e i filmati "on the road" di Alessandro Scillitani impreziosiscono l'opera

Dopo l'inaugurazione della mostra, il 25 maggio scorso, presso il Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MArTA, Paolo Rumiz torna a Taranto per raccontare L'Appia, questa sera alle ore 18.00. Una mostra documentaria, fotografica e multimediale che intende sancire la riscoperta e la restituzione al Paese dell'intero percorso della prima grande via europea, da Roma a Brindisi, percorsa a piedi nell'estate 2015, a 2327 anni dall'inizio della sua costruzione da Paolo Rumiz, Riccardo Carnovalini, Alessandro Scillitani e Irene Zambon.  Un lungo cammino che ha consentito di tracciare il percorso integrale della madre di tutte le vie, dimenticata in secoli di dilapidazione, incuria e ignoranza: l'Appia. La mostra, promossa dal Servizio II del Segretariato Generale del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del  Turismo nell'ambito del progetto Appia Regina Viarum  –  Valorizzazione  e messa a sistema del cammino lungo l'antico tracciato romano dell'Appia, prodotta dalla Società Geografica Italiana Onlus, patrocinata dall'Assessorato all'Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia, è un invito alla scoperta, attraverso gli scatti di Riccardo Carnovalini, le fotografie di Antonio Politano (realizzate per il National Geographic Italia) e i filmati "on the road" di Alessandro Scillitani.