Sulla Circummarpiccolo per rivivere la storia

Cultura
Typography

Si terrà presso il Convento Battendieri la rievocazione storica della battaglia tra Normanni e Bizantini; a Taranto rievocatori da tutta Italia e una rappresentanza proveniente dalla Bulgaria. Studenti del “Pitagora”, seguiti dalla professoressa Enza Tomaselli, impegnati nell’accoglienza degli spettatori

Si è svolta presso la Sala degli Specchi del Palazzo di Città la presentazione dell’undicesima edizione de “La battaglia dell’XI secolo tra Normanni e Bizantini”, che si svolgerà a Taranto sabato 16 e domenica 17 giugno (località “I Battendieri”, sulla strada provinciale Circummarpiccolo).
La rievocazione storica, una tra le più importanti battaglie medievali d’Italia, è promossa dall’associazione culturale “I Cavalieri de li Terre Tarantine”. Sulle sponde del Mar Piccolo e del Fiume Cervaro, sarà possibile scorgere, attraversando le strade dell’antica Via Appia, uomini, armi e armature, e assistere alle fasi di preparazione di una vera guerra, ammirare l’artigianato dell’epoca, e infine festeggiare con i vincitori. Durante la prima giornata sarà possibile assistere allo scontro tra le truppe Bizantine a difesa del territorio dall’esercito Normanno, mentre domenica si potrà rivivere l’arrivo del generale bizantino Mariacha e del suo esercito imperiale che riuscirà a sconfiggere i Normanni. L’evento sarà raccontato dalla voce narrante dell’attore Giovanni Guarino. A questo evento prenderanno parte rievocatori provenienti dalla Puglia, Calabria, Sicilia, Lombardia, Abruzzo, Lazio, Campania e ci sarà anche una rappresentanza bulgara, i Association of free Re-enactors.
Nei due giorni dell’evento, venticinque ragazzi dell’Istituto Pitagora saranno impegnati nell’accoglienza degli spettatori nell’ambito del progetto di alternanza scuola – lavoro, con la collaborazione della professoressa Enza Tomaselli. Oltre alla rievocazione storica ci saranno anche degli eventi collaterali, e sabato 16 giugno sarà possibile prendere parte alla visita guidata a cura dell’associazione Nobilissima Taranto preseduta da Nello De Gregorio, che permetterà di scoprire le meraviglie geologiche della zona, come i collassi che hanno determinato l’attuale formazione del Mar Piccolo.
Il presidente dell’associazione “I Cavalieri de li Terre Tarantine”, Vito Maglie, ha sottolineato l’importanza di eventi di questo genere per le loro finalità promozionali di un territorio, come quello tarantino, che possiede bellezza paesaggistiche e culturali che devono diventare un elemento importante per il turismo. La consapevolezza che questo tipo di manifestazioni possano rappresentare un attrattore culturale identitario dei beni immateriali, puntando alla progettazione integrata e coordinata per dare vita a uno sviluppo sostenibile, è stata spiegata e raccontata ai presenti durante il convegno al quale hanno preso parte Fulvio Iurlaro, responsabile progetto Taras, della professoressa Silvia De Vitis e del presidente della Comunità Ellenica Maria Callas di Taranto, Maria Koutra. Questa idea è stata apprezzata da Valentina Tilgher, assessore comunale allo sviluppo economico, marketing del territorio e risorse del mare, la quale ha poi ringraziato le associazioni che si impegnano nel territorio tarantino ribadendo la vicinanza delle istituzioni.