17
Lun, Dic

Medimex 2018. Il programma

Medimex 2018. Il programma

Musica

Si è svolta al MArTA la conferenza stampa di presentazione del Medimex 2018, International Festival & Music Conference promosso da Puglia Sounds, durante la quale è stato illustrato il programma completo dell’evento, che per la prima volta si svolgerà a Taranto

Alla conferenza erano presenti il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, l’assessore regionale alle Industrie turistiche e Culturali, Loredana Capone, e Cesare Veronico, coordinatore Medimex/Puglia Sounds. Tante iniziative e tanta musica per questa nuova edizione della manifestazione che animerà la città dei due Mari dal 7 al 10 giugno, e che vedrà l’esibizione, in esclusiva per l’Italia, dei Kraftwerk, headliner con i Placebo, Roni Size, Daddy G dei Massive Attack, Nitro e Casino Royale. Inoltre, è prevista anche, al Museo Archeologico Nazionale di Taranto, la mostra “Kurt Cobain & Il Grunge: Storia di una rivoluzione” in programma dall’otto giugno al primo luglio, con gli scatti inediti sui Nirvana e il suo fondatore realizzati da Michael Lavine e Charles Peterson. La mostra, a cura di ONO arte contemporanea, comprende trentotto immagini di Peterson sulla nascita dei Nirvana, i concerti live e la scena Grunge, e quaranta scatti di Lavine estratti da servizi posati e immagini per le riviste. Si saranno anche gli attesi «Incontri d’autore» che si apriranno giovedì 7 giugno con Diodato e i fotografi Michel Lavine e Charles Peterson, e proseguiranno venerdì 8 con Max Gazzè, Emma Marrone, Giuliano Sangiorgi, Raphael Gualazzi e Ultimo, sabato 9 con Ghemon, Renzo Rubino, il batterista dei Sex Pistols, Paul Cook, e Mirkoeilcane per concludersi domenica 10 con il rapper Nitro.
“Il Medimex è un gesto di amore intelligente di tutta la Puglia verso Taranto, perché Taranto, più il tempo passa, più nella coscienza collettiva dei pugliesi, degli italiani, diventa un'arma fondamentale di rivoluzione gentile. Questo è un luogo dove la creatività in qualche maniera nasce dalla rabbia e la metabolizza, la trasforma, ha dichiarato il Presidente Michele Emiliano nel corso della conferenza stampa. È tipico di tutte le grandi città e Taranto è una grande città, un luogo dove avvengono fatti storici, fatti grandi. Naturalmente deve riprendere l'abitudine a giocare in questo campionato, che è il campionato dell'eccellenza italiana ed europea. E noi siamo tutti al suo fianco. Il Medimex è un festival di cultura musicale che Taranto si è guadagnato organizzando a mani nude il concerto del primo maggio. Si è inventata questa incredibile avventura e abbiamo compreso che in questa città la musica potesse svolgere un ruolo per tirar fuori dal cuore dei tarantini ciò che di prezioso è custodito lì dentro. È chiaro che è una grande fatica. Questo è solo l'inizio, speriamo di poter lavorare bene con tutta la città e poter costruire il futuro di Taranto non solo nelle trattative difficili dell'Ilva, ma anche in mille altri eventi che possono rendere noto al mondo che questa è una città bellissima e merita di essere anche una città turistica, non solo una città industriale”.
Soddisfatta per le molte iniziative culturali che si svolgono in Puglia, dal Gargano al Salento, l’assessore Loredana Capone afferma che la città merita che le sue location siano riempiti da contenuti di qualità. “È entusiasmante respirare l’atmosfera già carica di questa partenza. In questo momento la Puglia brulica di iniziative culturali, dal Gargano al Salento, c’è l’imbarazzo della scelta. Insomma la Puglia della cultura si sta facendo sentire e in questa Puglia oggi Taranto è protagonista con una delle iniziative sulla musica più importanti che la Regione organizza insieme a Teatro Pubblico Pugliese per il tramite di Puglia Sounds e in collaborazione e con Puglia Promozione. Taranto perché è una città bellissima, che merita che i suoi meravigliosi contenitori possano riempirsi sempre più di contenuti di qualità. Medimex da questo punto di vista rappresenta un’occasione straordinaria, per tutto il settore della musica, dello spettacolo dal vivo, e per la formazione di cui si fa promotore. Il mondo della musica sta cambiando profondamente, è cambiato l’ascolto, questa è l’era dell’accessibilità. Siamo passati dai vinili alle musicassette, ai cd, alle piattaforme streaming. Fornire un aiuto, un confronto su questi temi, con il supporto di professionisti ed esperti del settore, allora, è quanto mai indispensabile. Tutto questo è Medimex, concerti di grande qualità, date uniche in Italia come quelle dei Krafwerk e dei Placebo, ma anche incontri d’autore, workshop professionalizzanti e due scuole, “Puglia Sounds Musicarium” e “Song editing camp”, per chi è già veterano del settore e per chi, invece, vuole cominciare ad intraprendere questo straordinario mestiere. Siamo pronti insomma: ora è tutto nelle mani dei tarantini. Perché la cultura può essere davvero la seconda chance per questa città e i suoi cittadini. Perché chi la osserva da lontano possa finalmente scorgervi un’altra anima rispetto a quella industriale. Un’anima che incuriosisce e attrae”.
Cesare Veronico, coordinatore del Medimex e di Puglia Sounds, ha commentato così la scelta di portare la manifestazione musicale a Taranto: “Abbiamo scelto di portare il Medimex nel cuore della città. Chiediamo scusa se ci sarà qualche disagio, ma per cambiare la percezione di Taranto dovevano puntare sui luoghi simbolo del centro. Il ritorno di immagine sarà positivo. Ci sono oltre cento testate accreditate per seguire il centinaio di iniziative di quest’evento che ospita duecento tra artisti e musicisti, molti dei quali pugliesi, e quattrocento tra operatori e partecipanti alle sezioni professionial ed educational. La ricaduta sull’intero sistema musicale pugliese sarà importante”.
Non mancherà la sessione professional, tra gli elementi distintivi del Medimex, che vedrà la presenza di esperti del mercato mondiale della musica dando la possibilità agli artisti e operatori di incontrare nel Circolo Ufficiali della Marina Militare direttori di festival, responsabili di agenzie, etichette discografiche e stakeholder internazionali. Fitto il calendario di panel, workshop e keynote, realizzato in collaborazione con Rockol Biz Events, e numerosi i Face to Face(s), attività di networking con operatori delle scene World, Jazz, Indie/Pop/Rock provenienti da tutto il mondo.
Tornano, dopo il successo dello scorso anno, le scuole di formazioni Puglia Sounds Musicarium, dedicata a temi trasversali e significativi delle professioni del settore, e Songwriting Camp pensata per apprendere e perfezionare le diverse discipline della musica. Inoltre, quest’anno si aggiunge Musicarium Advanced, spazio interamente riservato ai professionisti con lezioni avanzate tenute da personalità di assoluto rilievo internazionale: Sound engineering and design con Marc Urselli, Digital communication con Marc Plotkin e produzione discografica con Tommaso Colliva.
Dall’otto al nove giugno si svolgeranno al Molo Sant’Eligio gli showcase, una vetrina per i musicisti e gli operatori pugliesi, aperti al pubblico e rivolti agli addetti internazionali del settore. Indie-rock, jazz e world, tre le sezioni per le quali sono stati selezionati La Maschera, Junior V, Li Ucci Orchestra, Maria Mazzotta Duo, Massimo Donno, Paolo De Falco, Maelys, Concerto, Roberto Ottaviano Griots, The Roots of Unity, Enzo Bacco Quintet ed Eugenio Macchia Dialogue Trio. Inolre, in programma sempre al Molo Sant’Eligio venerdì 8 giugno la finale della quindicesima edizione dello Sziget & Home Sound Fest 2018 e sabato 9 giugno la finale regionale del contest per band emergenti Rec&Play oltre l’esibizione del vincitore del #Gazzetta Music Contest.
Sarà allestito nella Villa Peripato, per tutta la durata del Medimex, il Medimex Music Market, uno spazio riservato al mondo delle etichette indipendenti e a quello dei collezionisti di musica per una grande fiera con degli espositori provenienti da tutta Italia ed Europa con un fitto programma di live, dj set, conferenze con ospiti internazionali, brunch e aperitivi musicali e laboratori dedicati ai più piccoli. L’evento è organizzato da PopUp The Sunday, CoolClub, Display Agency, Discipline, No-de e Fiera del Disco Sud Italia.
Sono previsti anche degli omaggi cinematografici al mondo del grunge. Grazie alla collaborazione di Apulia Film Commission, in Villa Peripato il Medimex propone (ingresso gratuito), martedì 5 giugno la proiezione di Kurt Cobain: Montage of Heck e Pearl Jam Twenty, mentre mercoledì 6 giugno la programmazione prevede Sound City sul celebre studio di Los Angeles dove i Nirvana incisero Nevermind e L’amore è un gioco di Cameron Crowe con protagonisti, in veste di attori, musicisti della scena grunge.
Il programma include, ancora, la presentazione di tre libri che raccontano altrettanti momenti della storia del rock, l’8, il 9 e il 10 giugno nella Villa Peripato: La storia del punk di Stefano Gilardino, Andy Wood. L’inventore del grunge. Vivere (e morire) a Seattle prima dei Pearl Jam di Valeria Sgarella e Hendrix ’68-The Italian Experience di Enzo Gentile e Roberto Crema. Il Medimex ospita, inoltre, l’installazione site specific Learning How to See in the Dark pensata da Arthur Duff per il Castello Aragonese, che il pubblico verrà invitato a riconsiderare alla luce del progetto visivo dell’artista americano.