11
Mar, Ago

Arcelor Mittal: riunione in Prefettura sulle problematiche dell'indotto

Arcelor Mittal: riunione in Prefettura sulle problematiche dell'indotto

Economia

 

Particolare attenzione al ritardo cumulato dei circa 38 milioni di euro di pagamenti alle aziende

Questa mattina il Prefetto Demetrio Martino, accogliendo l'appello di Confindustria e delle Organizzazioni Sindacali, ha incontrato  in videoconferenza  il Direttore dello Stabilimento Arcelor Mittal Italia, i Commissari dell'Ilva in Amministrazione Straordinaria,  i Presidenti di Camera di Commercio,Confindustria , Confapi e Confartigianato  Taranto, il referente dell'ABI, i Segretari generali di  FiomCGIL, FimCISL,  UILM, USB e UGL per verificare lo stato dei pagamenti  delle fatture scadute  da parte  di  Arcelor Mittal  nei riguardi delle imprese dell'indotto.

Particolare attenzione è stata dedicata alla condizione di crisi economica di molte aziende, rappresentata dalle Associazioni datoriali, connessa al ritardo cumulato dalla committente nei pagamenti (circa 38 milioni di euro), riguardanti lavori eseguiti ed alla conseguente difficoltà degli imprenditori di soddisfare puntualmente le rivendicazioni salariali dei dipendenti, non essendo più in grado di sopperire alla mancanza di liquidità mediante il ricorso al credito bancario.

Al riguardo, il Prefetto, invitando l'Azienda e le parti sindacali e datoriali ad ulteriori approfondimenti delle criticità  determinatesi e alla ripresa di  un metodo continuativo di confronto e dialogo, ha proposto, al fine di garantire le aspettative degli imprenditori e di non compromettere la tenuta sociale,  un immediato  confronto tecnico tra Arcelor Mittal, Confindustria, Camera di Commercio e Confapi per l'elaborazione condivisa di un piano di rapida riduzione del debito che la Prefettura provvederà a monitorare.

Inoltre, appresa dal referente ABI la operatività di tutte le misure di finanziamento previste dal "Decreto Liquidità" dello scorso 8 aprile (per accedere al prestito fino a 25.000 euro, nonché  a  finanziamenti di importo fino ad  800.000 euro e a 5 milioni di euro),  il Prefetto ha suggerito  alla parte datoriale di fornire alle imprese del territorio informazioni approfondite sulle modalità di accesso alle suddette forme di credito che potrebbero dare in un momento di  evidente difficoltà la liquidità necessaria per andare avanti.

Al contempo il Prefetto ha invitato a far pervenire segnalazioni di casi anomali di gestione delle procedure bancarie impegnandosi a trasmetterle alla direzione  regionale della Banca d'Italia  e dell'ABI per gli interventi di competenza.

Il Direttore del locale Stabilimento Arcelor Mittal, nell'evidenziare che il ritardo nei pagamenti ai creditori è dovuto alla drammaticità del momento, in cui si sommano la crisi del mercato dell'acciaio e quella derivata dalla fermata subita dall'economia a causa dell'emergenza coronavirus, si è reso disponibile a quanto proposto dal Prefetto.