BREAKING NEWS
Domenica, 22 Ottobre 2017
"Wind day. Libertà negate ai cittadini, un favore agli inquinatori". Domani dalle 10.30 alle 12.30 sit in di protesta, organizzato dai "Genitori Tarantini",  sotto la Prefettura

"Mai più a Taranto" fonti inquinanti: la Regione mappa i futuri assetti della città

Economia
Typography

La Regione dice sì al ddl che contiene gli "indirizzi per lo sviluppo e la coesione economica e sociale del territorio di Taranto". Tra gli obiettivi: divieto di insediamento di attività economiche potenzialmente inquinanti ("mai più a Taranto")

Dopo il parere della sesta e della terza arriva anche quello della quinta Commissione, presieduta da Filippo Caracciolo, al ddl che contiene "indirizzi per lo sviluppo e la coesione economica e sociale del territorio di Taranto". La Regione affronta il tema del futuro dello sviluppo urbano e delle comunità territoriali di Taranto. “La peculiarità delle condizioni e delle problematiche che attagliano Taranto e la sua comunità, di cittadini ed imprese, - spiega in una nota - sono alla ribalta nazionale ed internazionale e ne costituiscono un fronte di impegno straordinario, ai vari livelli per modificarle positivamente ed avviarle a soluzioni, rigenerando contesti urbani, ambientali e competitivi, nella direzione del miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro della popolazione. In sintesi restituendo un'occasione di Futuro alla Città di Taranto”.

Da qui la necessità di “mettere a disposizione della comunità tarantina ogni sforzo ed ogni azione di governo ordinaria e straordinaria, in grado di promuovere uno sviluppo diverso, basato sulla fiducia e la speranza di un futuro migliore, per le persone, le famiglie, le imprese che la compongono”. Tra gli obiettivi: “miglioramento delle sostenibilità ambientale delle economie locali attraverso la previsione di vincoli più stringenti e divieto di insediamento di classi di attività economica potenzialmente inquinanti ("mai più a Taranto") e discipline esemplificate di autorizzazione ambientale per le classi di attività sicuramente non potenzialmente inquinanti, rigenerazione urbana e territoriale, attraverso azioni mirate su aree target , l'accompagnamento alle Autorità locali nell'adeguamento degli strumenti urbanistici avanzati, la valorizzazione mirata di aree e beni urbani e del paesaggio”.