BREAKING NEWS
Domenica, 25 Giugno 2017
TURNO DI BALLOTTAGGIO - Ore 12:00: affluenza alle urne nella città di Taranto 10,44%. Sette punti percentuali in meno rispetto al primo turno

STRONCATURA DI STATO

Economia
Typography

ArcelorMittal rileverà l'Ilva. Niente domande di rilancio da parte di AcciaItalia. Lunedì prossimo, al Mise, ci sarà l'assegnazione degli asset industriali ai nuovi proprietari franco-indiani. La sinistra di Palazzo, falce e cazzeggio, potrà mai farsi perdonare per i reiterati guai arrecati a questo territorio?

Nessuna nuova offerta – o rilancio che dir si voglia - per l’acquisizione di Ilva. L’Avvocatura di Stato, interpellata dal ministro Calenda,  spegne sul nascere le velleità della cordata AcciaItalia (composta da Cdp, Arvedi e Delfin). Il colosso siderurgico andrà nelle mani di ArcelorMittal e Marcegaglia. E’ tutto definito. Da tempo, ormai.  Lunedi prossimo al Ministero dell’Economia ci sarà l’assegnazione degli asset produttivi, il passaggio successivo vedrà la definitiva aggiudicazione al gruppo franco-indiano. Piano Industriale e Ambientale possono dormire sonni tranquilli. Il combinato disposto di tagli occupazionali e bonifiche da non realizzare è manna dal cielo per qualsiasi acquirente. Il Governo ha predisposto un bel regalo per Taranto. L’ennesimo, dopo i dieci decreti emanati dal luglio del 2012 ad oggi, grazie al sostegno di quei parlamentari locali che oggi versano lacrime di coccodrillo sui tagli occupazionali. La sinistra di Palazzo, falce e cazzeggio, potrà mai farsi perdonare per i reiterati guai arrecati a questo territorio?

WhatsApp Share