Ilva. Dialogo sindacati-Mittal dal 20 luglio

Economia
Typography

Incontro al Mise tra la nuova proprietà e i Segretari generali delle organizzazioni sindacali, che hanno anticipato le loro riserve sul piano industriale. Tra circa due settimane si aprirà la fase del confronto su investimenti ambientali, salvaguardia dell'occupazione e rilancio delle produzioni. Interviene in merito il Segretario generale Fim Cisl Marco Bentivogli

Si è concluso nel tardo pomeriggio l’incontro, tenuto presso il Ministero dello Sviluppo Economico, tra i Segretari generali di Fim, Fiom e Uilm, e la proprietà del Gruppo che si è aggiudicato la gara per la cessione del gruppo Ilva, Arcelor Mittal. All’incontro erano presenti oltre il ceo Europa Geert Van Poelvoord, il patron Mittal Lakshmi N Mittal, il figlio Aditya Mittal e il commissario Enrico Laghi. Così il Segretario generale Fim Cisl, Marco Bentivogli: “Mittal ha voluto rassicurarci della sua volontà di considerare il confronto sindacale che si aprirà il 20 luglio come “partner essenziale” e ha confermato l’obiettivo di portare il Gruppo Ilva al successo industriale che merita nel rispetto della sostenibilità ambientale e di un migliore rapporto con la comunità tarantina. Infine ha voluto ribadire che il Piano Am Investco Italy è l’unico credibile per centrare gli obiettivi di rilancio. Abbiamo rimarcato la necessità di modificare il piano industriale al fine di garantire la piena realizzazione degli investimenti ambientali, la salvaguardia dell’occupazione e il rilancio delle produzioni verso mercati e prodotti più profittevoli su cui il gruppo è arretrato anno dopo anno. L’industria della siderurgia è troppo importante per non assicurarsi il pieno rilancio sostenibile di Ilva". Bentivogli sottolinea l'importanza che il 20 luglio prossimo si riparta dalle indicazioni che i commissari insieme al Governo hanno dato alla nuova proprietà, con i conseguenti risvolti occupazionali.