BREAKING NEWS
Venerdì, 18 Agosto 2017
 "VICOLI CORTI - CINEMA DI PERIFERIA". A  Massafra, domenica 20 agosto, serata conclusiva con la proiezione del film "La ragazza del mondo".

Tecnomessapia. Cigs per 177 lavoratori

Economia
Typography

Incontro al Mise tra sindacati, azienda, Confindustria e Regione Puglia. Presto verrà firmato un accordo per 12 mesi di cassa integrazione straordinaria per crisi aziendale. La Regione si impegna a supportare il necessario piano di riconversione industriale che Tecnomessapia dovrebbe presentare per il proprio futuro, non più esclusivamente legato alle commesse di "Leonardo". Prossimo incontro presso la Provincia di Brindisi il 24 luglio

La scorsa settimana la sospensione dei licenziamenti e ieri pomeriggio un ulteriore motivo di speranza per i 177 lavoratori della Tecnomessapia. Definito proficuo dalla Fim Cisl l'incontro romano tenuto ieri al Ministero dello Sviluppo Economico, al termine di una trattativa sindacale intensa. Leonardo Company mostra apertura verso Tecnomessapia, garantendo una commessa per poche decine di unità, chiedendo però che l’azienda Tecnomessapia si doti di una sede propria. L’azienda ha accettato e, sulla base di questo, lunedì prossimo le organizzazioni sindacali e la Tecnomessapia si incontreranno presso la sede di Confindustria Brindisi per definire ogni dettaglio tecnico. Considerata la ripresa dell’attività lavorativa, le parti sottoscriveranno un accordo di Cigs per tutti i lavoratori. La Fim considera questo risultato un piccolo passo in avanti; in questo anno sarà possibile cercare soluzioni altenative per tutti i lavoratori dell’indotto, che sono circa 1.000. Il sindacato riconosce l'impegno profuso dal viceministro Bellanova per il deciso e puntuale intervento.
Sugli ultimi sviluppi relativi alla vertenza Tecnomessapia interviene anche l'Unione Sindacale di Base. Franco Rizzo, coordinatore USB Taranto, "valuta positivamente questa proposta che rappresenta una boccata d’ossigeno per i lavoratori di Tecnomessapia in quanto blocca i licenziamenti, ma è altrettanto evidente che si corre il serio rischio di rinviare il problema solo di qualche mese. Per noi il nocciolo della vertenza Tecnomessapia era e rimane la prospettiva di lavoro di maestranze altamente qualificate che hanno permesso a Leonardo di gestire commesse importanti e raggiungere addirittura gratifiche milionarie da parte della Boeing. Il nostro obiettivo è aprire la discussione in sede governativa e regionale sul futuro del polo tecnologico di Grottaglie e sulle prospettive future di questi lavoratori. Fino a che non riusciremo a fare questo non potremo ritenerci soddisfatti".