BREAKING NEWS
Venerdì, 18 Agosto 2017
 "VICOLI CORTI - CINEMA DI PERIFERIA". A  Massafra, domenica 20 agosto, serata conclusiva con la proiezione del film "La ragazza del mondo".

Le Zone economiche speciali e il rischio dell'ennesimo buco nell'acqua

Economia
Typography

Siamo piu Zes o fess? L'esempio della Polonia non è lo stesso di Taranto. Perchè un territorio richiami investitori non serve soltanto una fiscalità di vantaggio. Necessità un modello infrastrutturale moderno. Quì, invece, siamo ancora all'epoca del dominio borbonico

Le Zone economiche speciali – le fantomatiche Zes – non sono la panacea di tutti i problemi economici di un dato territorio. Adottate da sole, servono a ben poco. Possono addirittura rivelarsi un buco nell’acqua. Dovrebbero saperlo tutti coloro i quali manifestano giubilo circa la loro effettiva realizzazione. In Europa un Paese che ha fatto un intelligente ricorso alle Zes, è stato la Polonia. Limitatamente ad alcune aree e regioni con particolari ritardi economico-produttivi. Lì l’esperimento, alla fine dei giochi, può definirsi  riuscito. Già da alcuni anni, ormai. Ad una condizione: aver reso i territori, interessati dalla misura, prima competitivi dal punto di vista infrastrutturale. Per intenderci: un imprenditore che volesse investire i suoi soldi, aprire nuove aziende in aree depresse, prim’ancora di una fiscalità di vantaggio ricerca sistemi moderni dediti alla mobilità. Le merci viaggiano, gli operatori anche. Metterli in cammino senza aeroporti, autostrade e reti ferroviarie degni di questo nome diviene operazione oltremodo rischiosa. Un’inutile perdita di tempo.
Fatta questa premessa, l’adozione di una Zona ad economia speciale servirebbe realmente a Taranto e alla sua provincia? Certamente si. Anche se rischia di nascere azzoppata, depotenziata dall’assenza di reti infrastrutturali di stampo europeo. L’Aeroporto di Grottaglie è chiuso ai voli civili, dopo l’ennesima promessa non mantenuta del governatore Emiliano. La rete ferroviaria da e per Taranto, a unico binario, ricorda e ci racconta di un Sud preunitario, soggiogato ancora ai voleri dei Borboni. Quanto al Porto, al di là dell’attivismo di qualche ministro della Repubblica assai fumoso e poco altro, con codazzo al seguito, la situazione è desolante. Manca un vettore, mancano i traffici, manca una strategia di medio e lungo periodo. Se non siamo all’anno zero, poco ci manca. Più che Zes, rischiamo di apparire fess. Non sarebbe la prima volta. Vuoi mettere: una fessaggine defiscalizzata.

WhatsApp Share