Ilva. Proclamato lo sciopero per lunedì

Economia
Typography

Fim, Fiom e Uilm non accettano la proposta di Am Investco che comporta, tra le altre cose, un doloroso taglio di posti di lavoro

Fim, Fiom e Uilm respingono i contenuti della proposta di Am Investco sia dal punto di vista normativo che sul piano degli esuberi. Il consiglio di fabbrica, riunitosi ieri, rifiuta categoricamente i 3.311 esuberi, l'azzeramento degli accordi vigenti e degli istituti contrattuali, il licenziamento e le assunzioni con il jobs act, le discriminazioni tra i lavoratori e la mancanza di prospettive per i dipendenti delle ditte dell'appalto. Non può essere questo il punto di una trattativa relativa a migliaia di lavoratori, che in questo momento nutrono delusione e rabbia nei confronti del Governo che, insieme ad Am Investco "sbeffeggia ulteriormente un territorio già fortemente devastato dal punto di vista ambientale, sanitario e occupazionale. Proclamato per lunedì, 9 ottobre, uno sciopero di 24 ore per lavoratori diretti e dell'appalto.