BREAKING NEWS
Domenica, 22 Ottobre 2017
"Wind day. Libertà negate ai cittadini, un favore agli inquinatori". Domani dalle 10.30 alle 12.30 sit in di protesta, organizzato dai "Genitori Tarantini",  sotto la Prefettura

Ilva, Mittal: “Vogliamo trovare una soluzione”

Economia
Typography

All’indomani dello sciopero dei lavoratori Ilva indetto dai sindacati il gruppo indiano sembra voler inviare un messaggio distensivo: “Speriamo di trovare un punto d’accordo”. Nel frattempo programmato quest'oggi il consiglio di fabbrica  

"Vogliamo trovare una soluzione insieme a Governo, Istituzioni locali e sindacati per un futuro sostenibile di Ilva". A dichiararlo secondo l’Ansa il CEO Europa Aditya Mittal dopo aver lasciato l’Hotel Villa d'Este di Cernobbio. "Speriamo fortemente di poter proseguire con le discussioni- sottolinea ancora -  e trovare un punto d'accordo". Nel frattempo proseguono le tensioni allo stabilimento Ilva di Taranto. Questa mattina è terminato lo sciopero di 24 ore indetto da Fim, Fiom, Uilm e Usb a sostegno delle posizioni dei lavoratori contro gli esuberi preannunciati dal piano del gruppo acquirente indiano e previsto il consiglio di fabbrica. Nella giornata di ieri il ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda ha deciso che la proposta è irricevibile facendo saltare l’incontro al Mise.  Nel frattempo il sindaco Melucci ha voluto confrontarsi con le organizzazioni sindacali per discutere della crisi del siderurgico. “Al di là delle rassicurazioni fornite dal governo, - hanno commentato all’agenzia i sindacati -  non è possibile discutere esclusivamente delle forme di garanzia e di salario, escludendo le questioni occupazionale, sanitaria e di rilancio del sito di Taranto mediante opportuni investimenti".