Abusivismo: Confcommercio incontra il Prefetto

Economia
Typography

La questione dell’abusivismo commerciale nel centro cittadino è stato portato quest’oggi all’attenzione del Prefetto di Taranto. Confcommercio ha denunciato la questione: “I commercianti sono stanchi di subire la concorrenza sleale di chi non paga le tasse e non è sottoposto ai continui e quotidiani controlli”

“I commercianti tarantini sono ormai stanchi di subire la concorrenza sleale di chi non paga le tasse e non è sottoposto ai continui e quotidiani controlli atti a monitorare e punire la mancata osservanza delle leggi.  La pressione da parte delle attività commerciali è forte, e rischia di ingenerare un pericoloso conflitto sociale se non si interviene per tempo”. La questione è stata portata all’attenzione del prefetto di Taranto, giovanni Cafagna in un incontro oggi con il presidente di Confcommercio, Leonardo Giangrande. Si tratterebbe secondo l’associazione, di “una situazione al limite che svilisce  il decoro e l’immagine della città, soprattutto in alcune strade del Borgo, come  via D’Aquino, prese d’assalto dai venditori abusivi di capi di abbigliamento taroccati, o da improvvisate attività di sommistrazione di cibo e bevande al  Lungomare”.

Si registra inoltre “un proliferare di attività abusive di vendita di frutta e ortaggi, prodotti ittici, fiori, abbigliamento, giocattoli, musica, che occupano angoli, piazzole, ed ampi tratti di marciapiedi sino a  rendere addirittura  difficile il passeggio e l’ingresso ai negozi. Dunque, una situazione che mette in bilico non solo gli equilibri del tessuto commerciale cittadino,  ma  la stessa vivibilità delle aree urbane caratterizzate  già da  altre negatività  (carenza di  parcheggi, inadeguatezza  dei servizi pubblici, saracinesche chiuse, aree degradate)”.

Necessari secondo Giangrande “seri provvedimenti idonei a garantire la vivibilità e il decoro, la sicurezza urbana, la promozione del rispetto della legalità”. Il prefetto Cafagna si è detto impegnato nella sottoscrizione di Patti di collaborazione interistituzionale per la sicurezza urbana in alcuni comuni del territorio provinciale, tra cui Taranto, anche in relazione ai bandi per il rafforzamento dei sistemi di video- sorveglianza pubblica.

Nel frattempo, sarà garantita una più assidua presenza delle forze dell’ordine, avrebbe confermato il Prefetto, in particolare nelle zone in cui si registrano maggiormente le attività illegali.