21
Gio, Mar

Ex Ilva. “Ancora 93 lavoratori mancanti”

Ex Ilva. “Ancora 93 lavoratori mancanti”

Ilva

«L’azienda acceleri la fase di completamento degli organici». È questo il monito del segretario nazionale della Fim Cisl Valerio D’Alò sullo stato dell’avanzamento dell’accordo, sul passaggio di Ilva in AS al Gruppo Arcelor Mittal, sottoscritto al Mise lo scorso 6 settembre 2019

«Ad oggi – continua D’Alò – risultano mancanti 93 unità rispetto alle 10.700 previste dall’accordo. Il fenomeno si è generato a seguito della saturazione degli organici in quelle unità produttive che, a fronte dei numeri previsti sito per sito, dopo aver proceduto all’assunzione del personale, hanno ancora a disposizione delle unità vacanti – 93 per l’esattezza – e che, a nostro avviso, possono e devono essere suddivise nei siti dove c’è personale ancora in Cassa Integrazione e quindi rimasto in Ilva in Amministrazione Straordinaria». «Nell’incontro di verifica trimestrale presso il Ministero - così come previsto nell’accordo - sarà uno dei temi principali che porteremo all’attenzione di Arcelor Mittal e del MISE, perché questa è la giusta modalità per dare certezza ai lavoratori ancora in Casa Integrazione ed il segnale forte ed inequivocabile che l’azienda non ricorrerà a sotterfugi, dando come prioritaria l’esigenza - da noi pretesa nell’accordo - della garanzia che entro la fine del piano tutti i lavoratori riceveranno la proposta di assunzione da parte di Arcelor Mittal. Dare seguito al pieno organico previsto nella fase iniziale – conclude Valerio D’Alò - è sicuramente il modo migliore di avviare l’era Mittal».