16
Ven, Nov

Cresce l'iniziativa della Puglia e per lo sviluppo delle Z.E.S.

Cresce l'iniziativa della Puglia e per lo sviluppo delle Z.E.S.

Economia

Sono in pieno svolgimento le attività dell'Assessorato allo Sviluppo Economico della Puglia in merito alle  Z.E.S. (Zona Economica Speciale) interregionale, quella  jonica con la Basilicata e quella Adriatica col Molise. Borraccino: “Una sfida che non possiamo perdere”

Sono in pieno svolgimento le attività dell'Assessorato allo Sviluppo Economico della Puglia in merito alle  Z.E.S. (Zona Economica Speciale) interregionale, quella  jonica con la Basilicata e quella Adriatica col Molise.

Il tema è stato discusso ieri a Taranto, presso il Nautilus alla presenza dell’assessore regionale allo Sviluppo economico Mino Borraccino, Giuseppe D'Ettorre del Gruppo di lavoro dell'Autorità di Sviluppo Portuale del Mare Jonio, Sergio Prete, presidente dell'Autorità di Sviluppo Portuale del Mare Jonio, Antonella Scardino, Consulente della commissione Europea per le start up delle ZES e Aldo Berlinguer, del gruppo di lavoro tecnico – scientifico del Piano strategico per Taranto.

La Regione Basilicata promuove quest’oggi, un’analoga iniziativa, alla presenza dell’assessore allo Sviluppo economico della Regione Basilicata, Roberto Cifarelli, e ai Sindaci di Pisticci e Ferrandina, agli esponenti dello SVIMEZ, del Ministero per il Sud ed altri esperti del Settore.

“Ritengo fondamentale fare un lavoro comune tra la Regione Puglia e la Regione Basilicata finalizzato soprattutto alla presentazione di un piano che dia l'idea di un'unica grande ZES. – ha commentato Borraccino - È importante che la Governance coinvolga tutte le opere infrastrutturali presenti sui territori ricadenti nelle ZES se vogliamo dare attuazione ad un progetto utile al sistema imprenditoriale locale e creare nuove opportunità di lavoro”.

In tal senso necessario “l'efficientamento infrastrutturale, la vicinanza con i partner commerciali, le agevolazioni, la semplificazione e l'elasticità dei tempi delle procedure sono precondizioni fondamentali per attrarre gli investimenti privati nelle Zone Economiche Speciali, ma da sole non bastano. Occorre che il programma, in verità molto complesso, possa contare su una solida Governance, per la ZES Interregionale Jonica, dove il presidente dell'Autorità Portuale di Taranto ha l'importante ruolo di coordinamento”.

“Ci faremo portavoci per chiedere al Governo l'emanazione di un decreto legge ad hoc - aggiunge l’assessore - soprattutto, di destinare le risorse necessarie e utili a mettere in pratica i progetti per non rischiare di avere un contenitore vuoto”. “Ci faremo trovare pronti alla sfida di gestire la successiva fase di sviluppo della ZES, - conclude Borraccino - che dovrà tradurre il piano in opportunità per i territori, attraverso la stipula di accordi e protocolli d'intesa , il supporto alle imprese insediate ed un attento monitoraggio dello stato d'attuazione degli investimenti e dello stato di attuazione del piano stesso”.