11
Mar, Dic

B&B abusivi, taxi abusivi. Benvenuti nella Taranto turistica

B&B abusivi, taxi abusivi. Benvenuti nella Taranto turistica

Economia

C’è un prima e un dopo lungo la traiettoria del possibile sviluppo alternativo, dei tanti Piani B della nostra storia contemporanea, quelli per intenderci che dovrebbero respingere e contenere il drago d’acciaio che riempie le nostre vite – e polmoni – di diossine e benzopirene.  In questo prima e dopo di una città finalmente turistica, culturale, dedita a servizi moderni e integrati, s’insinua il virus del “magna e fotti”

Ostaggi dell’abusivismo. A tutti i livelli. C’è una Taranto che funziona, che va avanti, che sfoggia il diniego delle regole con baldanza e sfacciataggine. La Taranto capovolta della liceità improbabile. C’è un prima e un dopo lungo la traiettoria del possibile sviluppo alternativo, dei tanti Piani B della nostra storia contemporanea, quelli per intenderci che dovrebbero respingere e contenere il drago d’acciaio che riempie le nostre vite – e polmoni – di diossine e benzo(a)pirene.  In questo prima e dopo di una città finalmente turistica, culturale, dedita a servizi moderni e integrati, s’insinua il virus del “magna e fotti”.  B&B abusivi. Taxi abusivi. Politica abusiva. Rischia di apparire abusivo persino l’abusivo in questa rincorsa fallace – e assai pericolante – verso la remunerazione facile e senza regole. Da informazioni in nostro possesso, nella giornata di domani, una delegazione di taxisti tarantini incontrerà le istituzioni. Sono stanchi di essere vittime di chi, senza licenze e permessi, realizza il loro stesso lavoro e adultera il mercato. Chiedono rispetto per una professione e livelli di vigilanza adeguati ad una città che suole definirsi civile. Stessa cosa dicasi per i B&B, sorti come funghi non appena si sono palesati all’orizzonte manipoli di turisti. La situazione è diventata insostenibile anche per una realtà come la nostra che dell’insostenibilità, a tutti i livelli, ha fatto la stella polare del proprio incedere. Dopo l’usura e i palazzinari, la nuova frontiera sembra essere stata tracciata. Fare soldi a sbafo, senza un progetto, con arricchimenti sempre e solo personali, è l’unico modello di economia che dobbiamo darci? Informali si, circolari anche, ma quando è troppo è troppo…