16
Sab, Feb

Mitilicoltura. Preannunciato lo stato di agitazione

Mitilicoltura. Preannunciato lo stato di agitazione

Economia

La categoria si dice preoccupata per l'atteggiamento di chiusura mostrato dall'Amministrazione comunale. “L’annullamento improvviso delle procedure amministrative per l’ottenimento delle concessioni, deciso dagli uffici comunali competenti, senza previo coinvolgimento delle rappresentanze di categoria, determinerà l’avvio di un probabile contenzioso legale”: così nel comunicato di Agci Pesca, Confcommercio, Lega Pesca e Unci Pesca

In queste ultime settimane le imprese del settore, che avevano intrapreso un percorso per l’ottenimento di nuove concessioni in Mar Piccolo, sono state destinatarie di decisioni da parte dell’Amministrazione comunale che a breve e medio termine andranno ad incidere negativamente sui bilanci aziendali. Ciò è quanto le organizzazioni provinciali di Agci Pesca, Confcommercio, Lega Pesca e Unci Pesca già evidenziavano in una richiesta di incontro al sindaco Rinaldo Melucci, del 18 gennaio scorso. Incontro con il quale le rappresentanze di categoria intendevano avviare un tavolo di confronto sulla crisi della del settore della mitilicoltura, con particolare riguardo alla delicata ed importante problematica delle rinnovo delle concessioni in Mar Piccolo.
L’annullamento improvviso delle procedure amministrative per l’ottenimento delle concessioni, deciso dagli uffici comunali competenti, senza previo coinvolgimento delle rappresentanze di categoria, determinerà l’avvio di un probabile contenzioso legale che – secondo le associazioni - si poteva evitare, se fosse prevalso uno spirito collaborativo più attento all’economia ed alle imprese piuttosto che agli aspetti meramente burocratici. Una decisione assunta senza tener conto delle conseguenze: l’inutile impegno di spesa (per le consulenze tecniche e legali) sopportato dalle imprese per l’avvio delle procedure di concessione; il blocco della commercializzazione del prodotto presente negli impianti; l’impossibilità di trasferimento del prodotto dal 1° al 2° seno del Mar Piccolo e in Mar Grande (la scadenza è fissata 28 febbraio 2019); impossibilità di partecipare ai Bandi FEAP per i nuovi investimenti e progetti di sviluppo.
Le Associazioni hanno da sempre seguito le vicende della mitilicoltura tarantina ricercando con i vari interlocutori (Comune, Regione, Commissario per le bonifiche, Capitaneria di porto) soluzioni e percorsi utili a favorire un dialogo costruttivo, pertanto risulta davvero insolita e poco utile tale improvvisa virata.
Lo scorso venerdi doveva finalmente tenersi, presso l’assessorato alle Attività produttive, un incontro con l’assessore Valentina Tilgher, ma anche quest’ultimo tavolo è stato annullato e rinviato a data da destinarsi.
Una situazione dunque che tiene fuori dai percorsi decisivi per il settore le rappresentanze di categoria e che lascia le imprese in uno stato di confusione e di incertezza su gli iter da seguire per operare nella legalità e per programmare lo sviluppo. Un atteggiamento davvero incomprensibile da parte dell’Amministrazione comunale a fronte di un settore economico già duramente provato dalla vicenda Ilva e che più di altri ha pagato le conseguenze del disastro ambientale.
Agci Pesca, Confcommercio, Lega Pesca e Unci Pesca preannunciano lo stato di agitazione della categoria.