21
Mar, Mag

Cittadella della Carita, la Uil Fpl proclama lo sciopero generale

Cittadella della Carita, la Uil Fpl proclama lo sciopero generale

Economia

Dopo l'articolo di CosmoPolis, nel quale veniva evidenziata la perdurante crisi della struttura sanitaria, il sindacato vuole vederci chiaro. Messina: "Il silenzio della Direzione e dell'Arcivescovo Filippo Santoro non lascia presagire nulla di buono"

La Uil FPL conferma lo sciopero generale dei lavoratori della Cittadella della Carità proclamato per il prossimo 20 marzo 2019. Le notizie assolutamente contrastanti tra quanto dichiarato dalla Fondazione e quanto stanno vivendo, in termini di incertezza lavorativa i dipendenti dell’ente, non sono segnali che la Uil FPL intende sottovalutare. “In queste ore – dichiara il segretario della stessa sigla sindacale, Emiliano Messina - se pur non da fonti ufficiali, si apprende di una grave difficoltà finanziaria in cui verserebbe la Fondazione. La Uil ha chiesto ripetutamente alla Direzione della Cittadella della Carità di fornire la documentazione relativa allo stato delle casse dell’Ente. Tutte richieste puntualmente cadute in un nulla di fatto. Pertanto, il fatto che nei giorni scorsi l’Ente abbia definito ‘di collaborazione’ il clima con le organizzazioni sindacali sembra più un desiderio della Fondazione che nulla ha a che fare con la realtà”. Messina  si dice fortemente preoccupato dell’atteggiamento dell’azienda che, a tutt’oggi, “non ha risposto ad alcuna sollecitazione sindacale”. Un silenzio - quello della Direzione e dell’arcivescovo Filippo Santoro - che “non fa presagire nulla di buono”: anche, in considerazione “dei diversi e repentini cambi di vertice avvenuti”.
la Uil FPL, insomma, per voce del suo segretario Messina, “vuole fare chiarezza è chiede di sapere cosa è stato dell’accordo sindacale siglato nella primavera del 2018”. Accordo siglato da Cisl Uil e Ugl nel quale la Fondazione, assurta ad Ente Morale, “si impegnava in un Piano Industriale di risanamento nel quale assicurava, tra l’altro, ai dipendenti tre tredicesime e il premio produzione”. In più, sempre nello stesso Piano Industriale era previsto “l’ammodernamento della struttura esistente e l’apertura di un nuovo reparto di Medicina e un Hospice rispettivamente per 30 e 15 posti letto”. L’accordo prevedeva, continua Messina, “che la Direzione della Cittadella della Carità desse comunicazione dell’andamento del piano di risanamento dell’Ente. Accordo del tutto disatteso così come disattesa è stata l’apertura delle nuove strutture sanitarie”. Alla luce di tutto questo la Uil FPL non vorrebbe, come spesso è accaduto nel territorio del tarantino, che strutture in difficoltà, che magari non hanno avuto una gestione sempre ‘illuminata’, finiscano insieme al capitale umano e professionale, “svendute al miglior offerente”.
Una eventualità, questa, drammatica ma che “purtroppo non possiamo escludere totalmente e che sta mettendo a dura prova la serenità dei circa 160 lavoratori che da anni quotidianamente operano all’interno della struttura”.  Un clima di incertezza avvallato, anche, “dalle note inviate dalla Direzione ai lavoratori. In una comunicazione di gennaio scorso, infatti, la Direzione della Cittadella della Carità annunciava che a fronte del ritardo nel pagamento dello stipendio la Direzione si stava adoperando per ottenere nuove coperture di credito onde evitare ulteriori ritardi nell’erogazione degli stipendi”. La nota di gennaio, sottolinea Messina, “tra l’altro non è stata neppure l’unica di questo tenore”. A pochi mesi dalla sigla del Piano Industriale dell’Ente, in una lettera inviata ai lavoratori, “la Fondazione gli avvisa sostanzialmente della necessaria ulteriore ricapitalizzazione dell’Ente”. Per il segretario provinciale della Fpl la situazione ha ormai raggiunto “un punto di non ritorno”.  Ragion per cui, è stata confermata la proclamazione dello sciopero generale per il prossimo 20 marzo. S’invitano, pertanto, “tutti i lavoratori e i cittadini a partecipare alla mobilitazione in difesa del futuro occupazionale dei 160 lavoratori che assicurano al territorio un servizio sanitario di qualità”.