21
Gio, Nov

Ionian Shipping Consortium saluta l'Eni

Ionian Shipping Consortium saluta l'Eni

Economia

Pur grata di aver operato nell'ambito della Raffineria di Taranto, l' Agenzia Marittima rinuncia a proseguire perché vede lesa la propria dignità, non volendo lavorare “in qualità di sub, sub, sub, sub Agenti”

Nata dall'unione delle storiche famiglie dello Shipping tarantino, tra le più grandi Agenzie Marittime d’Italia,lo Ionian Shipping Consortium lascia l'Eni perchè ritiene lesa la propria dignità professionale.
“La dignità professionale, per l’intero periodo in cui abbiamo operato con le navi della Raffineria, è stata messa a dura prova dalla contorta filiera logistica imposta dal meccanismo delle gare internazionali. Noi di Ionian Shipping abbiamo lavorato 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in qualsiasi condizione climatica, sempre disponibili, sempre prodighi e motivati; ma la mortificazione economica di lavorare a percentuali umilianti rispetto all’ingente somma che ENI garantisce ai vincitori di gara è ormai divenuta insostenibile.Il senso di impotenza innanzi all’ennesimo esempio di colonizzazione economica del Territorio ci vede costretti a prendere le decisioni più difficili ma allo stesso tempo più coraggiose.
Pur grati di aver conosciuto le splendide figure professionali che ruotano attorno alla Raffineria di Taranto, rinunceremo ad operare in qualità di sub, sub, sub, sub Agenti, perché la nostra dignità professionale mai si coniugherà a chi, con protervia ed arroganza, sfrutta il nostro Territorio ormai ridotto ad una mera colonia interna”.